Mar Cinese del Sud, l’Aia con le Filippine. Pechino non accetta COMMENTA  

Mar Cinese del Sud, l’Aia con le Filippine. Pechino non accetta COMMENTA  

mar cinese del sud

Hanno ragione le Filippine, secondo l’Aia, nella questione degli atolli nel Mar Cinese del Sud. Pechino non accetta la sentenza.

Secondo la Corte Permanente di Arbitrato dell’Aia, sono le Filippine ad avere ragione nella rivendicazione di alcuni atolli nel Mar Cinese del Sud. All’apparenza non si tratta che di pochi lembi di terra in mezzo al mare, ma il livello di attenzione sulla questione spiega molto bene quanto siano importanti.


La sentenza dell’Aia, secondo alcuni commentatori, spinge affinché la Cina riduce le proprie pretese in un’area importante dal punto di vista delle rotte navali e in cui molti presumono siano presenti ricchi giacimenti di gas. Pechino rivendica infatti quasi il 90% del Mar Cinese del Sud, mentre secondo la Corte Permanente, quelle sono a tutti gli effetti acque internazionali e non territoriali.


Pechino, tramite il presidente cinese Xi Jinping, ha già dichiarato di non accettare la sentenza. Secondo le agenzie di stampa cinesi, Xi Jinping avrebbe già chiarito la posizione del suo Paese nel corso di un incontro con Jean Claude Juncker e Donald Tusk, al momento in Cina in rappresentanza dell’Ue al summit di questi giorni.


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*