Marcegaglia Milano: operai sul tetto minacciano di buttarsi

News

Marcegaglia Milano: operai sul tetto minacciano di buttarsi

Il tetto dello stabilimento Marcegaglia di Milano è teatro, in questi momenti, dell’estremizzazione di una protesta già in atto da qualche giorno: 7 operai sono saliti sulla copertura assicurandosi con delle imbracature, ma adesso minacciano di tagliare le funi e gettarsi nel vuoto.

Il motivo della clamorosa azione è tutto nella scelta del gruppo di Marcegaglia di trasferire tutti o parte dei dipendenti dello stabilimento di Milano nella sede piemontese di Pozzolo Formigaro, provincia di Alessandria. 150 km di distanza da coprire due volte al giorno di tasca propria, salvo decidere di trasferirsi, è ovvio.

E per chi non accetta, non c’è alternativa: questa è la sola proposta, altrimenti c’è il licenziamento.

In questo momento, la situazione è in stallo: gli operai non scendono dal tetto e, finché ci saranno proteste in atto, l’azienda ha fatto sapere che non avvierà alcun negoziato.

“Ma se molliamo cosa trattiamo?” si domanda il rappresentante Fiom Massimiliano Murgo, facendo poi notare che mentre “il capo del personale ride e chiacchiera allegramente con due funzionari della Digos”, “là sopra dei padri di famiglia minacciano di togliersi la vita.

Se dovessimo lasciare il presidio perderemmo anche l’ultima speranza”, “l’azienda dovrebbe ascoltarci invece che spingerci a questi atti drammatici. Noi vogliamo solo che sia rispettata la nostra dignità lavorativa”.

Se davvero l’azienda è disposta a trattare, purché si fermi la protesta, la speranza è che a sbloccare la situazione non debba essere per forze una tragedia.

1 Trackback & Pingback

  1. Marcegaglia Milano: operai sul tetto minacciano di buttarsi | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche