Marche grande regione vitivinicola COMMENTA  

Marche grande regione vitivinicola COMMENTA  

Nella regione Marche prevale la coltivazione dei vigneti a bacca bianca, come Trebbiano, Verdicchio, Albana, Biancone, Trebbianello, Malvasia e Moscatello; per quanto riguarda quelli a bacca rossa invece i più diffusi sono Sangiovese, Vernaccia, Lacrima, Canaiolo ed Aleatico, con larga diffusione anche degli internazionali Cabernet Sauvignon e Franc, Pinot Nero e Malbech.
Il territorio marchigiano è caratterizzato da un quasi 70% di colline, ideali per la produzione di vino, essendo generalmente costituite da terreni profondi dotati di buona permeabilità. A settentrione incontriamo la zona vitivinicola dei colli Pesaresi e del Metauro dove abbondano i terreni marnoso – calcarei e la produzione è incentrata soprattutto sul Sangiovese.

Leggi anche: Vini francesi: 130 trattamenti chimici

La zona dei Castelli di Jesi al contrario è celebre per i vini dal vitigno Verdicchio, strutturati e molto longevi, mentre fra Ancona e Loreto, lungo la costa  adriatica, la zona Rosso Conero produce grandi vini rossi da Montepulciano e Sangiovese.

L’Alta Valle Camerina comprende il comune di Matelica ed è l’altro grande bacino di ottimi vini da Verdicchio; a Serrapetrona invece, cittadina montana in provincia di Macerata, prevale un suolo roccioso, ricco di calcare, marne e argilla; altre zone vitivinicole marchigiane sono il Falerio dei Colli Ascolani, i Colli di Tronto e l’area del Piceno con l’interessante Doc Offida.
 

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*