Marco Carta: l’isola dei Famosi per promuovere il mio album COMMENTA  

Marco Carta: l’isola dei Famosi per promuovere il mio album COMMENTA  

Lo aveva già fatto un altro ex di Amici, Valerio Scanu e lo ha rifatto Marco Carta. Dopo il suo rientro in Italia, in seguito alla partecipazione all’ultima edizione de L’isola dei Famosi, Carta ha spiegato quale sia stata la vera ragione che lo ha spinto a prendere parte ad un reality non certamente molto facile.

Leggi anche: Giulia De Lellis all’Isola dei famosi: le dichiarazioni di Damante

Il cantante non aveva l’obiettivo di vincere ma, come sottolineato nel corso di un’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni, quello di promuovere il suo disco, un nuovo album di inediti pubblicato a quattro anni di distanza da Ncessità Lunativa: “Non mi interessava vincere, sarebbe stato qualcosa in più – ha spiegato – Ho partecipato per promuovere il mio nuovo album di inediti, non per arrivare primo o ritrovare me stesso, anche se umanamente ho scoperto nuovi lati di me”.

Insomma non proprio un’esperienza di vita per Marco Carta, che ha scelto il programma televisivo di Canale 5 quale veicolo di promozione del disco, una rivelazione questa che non è piaciuta proprio a tutti i suoi fan.

Leggi anche: Bettarini Isola dei Famosi: ruolo da inviato o altro?

I quali però certamente non rimarranno delusi dal disco, nel quale si parla di amore: “È un album d’amore, ma non è un album nostalgico. Creare una tracklist è come costruire un puzzle: senza voler dare per forza un’impronta al disco, scegli le diverse canzoni e alla fine scopri che parlano soprattutto d’amore.

È frutto di un divenire, più che di una volontà vera e propri”.

Leggi anche

Style

Transgender famosi e poco conosciuti

Il termine "transgender" è molto di moda oggi: quale significato, persone classificabili, lista dei più famosi e conosciuti al mondo, nomi non popolari Il termine transgender è diventato di grande moda, spesso se ne sente parlare ma, in effetti, nessuno ha ben chiare le idee dato che anche nella lingua italiana sono differenti i significati del termine a seconda del contesto in cui si utilizza la parola. Per quanto concerne la sua origine etimologica, è da ricondursi al movimento LGBT, nato negli USA intorno ai primi anni ‘80, per indicare un movimento di stampo politico che avversa la logica eterosessista Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*