Marijuana in California: sì per uso ricreativo COMMENTA  

Marijuana in California: sì per uso ricreativo COMMENTA  

Election day negli Stati Uniti : approvato il referendum per la cannabis ad uso ricreativo e terapeutico

Nell’election day per la votazione ed elezione del Presidente degli States, si è concomitamente votato per la legalizzazione della cannabis e marijuana ad uso medico e ricreativo.

Leggi anche: Forte terremoto M 6.4 scuote la California, paura su tutto il litorale

Nello stato del Colorado per la legge sul suicidio assistito. Dalla California è arrivato il sì netto e deciso alla legalizzazione della marijuana ad uso ricreativo, infatti è uno dei nove stati che ha votato anche per la legalizzazione della cannabis, anche se in altri casi, come nello stato della Florida, si trattava di uso meramente terapeutico.

Leggi anche: Incendio durante rave party in Usa, oltre 30 morti

I californiani maggiori di 21 anni potranno così possedere fino a 28,5 grammi di cannabis (8 grammi se concentrata), e crescere fino a sei piante per uso privato.

Lo stato della California ha approvato la regulation 64 che legalizza la marijuana: la vittoria più importante del movimento per la liberalizzazione della droga leggera.

L'articolo prosegue subito dopo

Con oltre 40 milioni di abitanti ora si unisce al Colorado, allo Stato di Washington, Oregon, Alaska e Washington D.C. che hanno in precedenza approvato regole simili.  Anche il Massachusetts ha dato il via libera alla legalizzazione della marijuana per uso ricreativo ed in Florida, North Dakota e Arkansas si sono espressi a favore dell’uso medico della marijuana; il Nebraska ha votato per ripristinare la pena di morte.

Leggi anche

terremoto-isole-salomone-sismografo
Esteri

Terremoto violentissimo magnitudo 7.8 vicino alle isole Salomone

Un altro violentissimo terremoto, questa volta dall'altra parte del mondo rispetto alla California. E' accaduto poco fa nell'area delle isole Salomone, a pochi chilometri di distanza dall'isola di San Cristobal. Un sisma davvero violento, di magnitudo 8.0 secondo i primi dati, rivisto poi a 7.8 della scala Richter, una potenza tale da provocare anche la formazione di tsunami potenzialmente molto pericolosi. La scossa tellurica, registrata alle ore 18.38 italiane, ha avuto un ipocentro non molto profondo, individuato a soli 34 chilometri di profondità. In virtù di questi dati, potrebbe essere stato avvertito anche a distanza di centinaia di chilometri; è Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*