Marò: sveliamo la verità sul loro ruolo! COMMENTA  

Marò: sveliamo la verità sul loro ruolo! COMMENTA  

Come sappiamo la vicenda dei marò italiani si è conclusa con la loro scarcerazione e la donazione di 146 mila euro in rupie alle familgie degli uccisi, arrivederci ,grazie e  scusate per il disturbo.

Il tutto mentre a Roma il Presidente Napolitano insisteva( a furor di se stesso) a celebrare la parata militare per “onorare gli italiani che hanno sacrificato la loro vita in missioni internazionali di pace”: ossia la storia stessa dei marò  facenti parte dei Nuclei militari di protezione, a bordo dei vari mercantili  dislocati su tutto l’Oceano Indiano.

Forse non tutti sanno che i nuclei godono di autonomia operativa, una sorta di “licenza di uccidere”, conferita loro proprio dal Parlamento con legge 130/2011 che consente di fatto di”utilizzare le armi predisposte sulle navi mercantili previa autorizzazione del Ministro dell’Interno”, in nome dell’operazione  Nato, Ocean Shield , che ha lo scopo di contrastare la pirateria al largo e lungo le coste della Somalia e del Corno d’Africa.

La Ocean Shield a sua volta è collegata alla Cmf, una forza marittima composta da 36 navi da guerra con il supporto aereo, la quale ha il compito di “combattere il terrorismo e la pirateria nelle acque internazionali del Medio Oriente, da cui passano le più importanti rotte commerciali del mondo” facente capo al Comando centrale Usa in Barhain. Per sintetizzare: il l vero ruolo dei marò consiste nel controllo delle rotte petrolifere e nella preparazione di guerre per il dominio dell’intera regione! Altro che lotta alla pirateria! I marò in realtà, sono impegnati a depredare le acque della Somalia con le flotte peschereccie ed in cambio inquinano le acque con gli scarichi dei rifiuti tossici dei paesi “civili”, spazzando interi villaggi di pescatori e riducendo in miseria le già povere popolazioni indigene, la cui unica, purtoppo,  speranza di sopravvivenza consiste spesso in azioni di pirateria.

L'articolo prosegue subito dopo

Questa è storia dei” pescatori pirata” uccisi dai nostrani “eroi pirata”:i primi pirati sono morti per poche rupie, i secondi pirati , quelli istituzionali, se la caveranno elargendo una generosa ricompensa!

Leggi anche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*