MARSHALL: morto il fondatore Jim Marshall

Musica

MARSHALL: morto il fondatore Jim Marshall

Il fondatore della celebre compagnia Marshall Amplification, Jim Marshall, è deceduto oggi all’età di 88 anni.

Fondata a Londra nel 1962, la Marshall è una delle più famose case produttrici di amplificatori per strumenti musicali.

Leo Fender, Les Paul, Seth Lover. E adesso Jim Marshall: il leggendario quartetto che ha trasformato il suono del rock e’ passato a miglior vita. Marshall, inglese di Acton, un sobborgo di Londra, invento’ il moderno amplificatore. E’ morto oggi in una casa di riposo inglese, debilitato dal cancro e da una serie di emorragie cerebrali. ”Il rock non sara’ piu’ lo stesso senza di lui. Ma i suoi amplificatori vivranno per sempre”, cosi’ lo ha ricordato su Twitter Slash, l’ex chitarrista dei Guns n’ Roses.

Gli amplificatori Marshall sono stati usati dai piu’ grandi nomi del rock fin dagli anni Sessanta, da Jimi Hendrix, Cream, Led Zeppelin, Eric Clapton. Il ‘padre del loud’, come lo ha definito la Marshall Amplification, la societa’ di iconiche attrezzature musicali da lui fondata proprio 50 anni fa, aveva ricevuto nel 1984 l’Award for Export dalla Regina Elisabetta in riconoscimento del contributo dato dalla sua azienda al business britannico. Nato e cresciuto a Londra, Marshall aveva avuto una gioventu’ infelice, ‘rubata’ dalla tubercolosi ossea. Nel 1960 gestiva un negozio di musica ad Hanwell, nel Borough londinese di Ealing. I suoi maggiori acquirenti (fra i quali Ritchie Blackmore e Pete Townshend dei Who) parlavano della necessita’ di un nuovo tipo di amplificatore piu’ a buon mercato di quelli importati da oltre Atlantico. Marshall fiuto’ l’occasione e inizio’ a produrre prototipi che portarono, nel 1962, alla fondazione della ditta.

”E’ con profondo rimpianto che annunciamo il trapasso del nostro amato fondatore e leader. Nonostante il cordoglio, rendiamo omaggio a un uomo leggendario che ha condotto una vita piena e ricca di esperienze”, si legge nel comunicato che ha dato l’annuncio della morte e che affratella ‘il padre del loud’ alla ‘trinita” di numi tutelari del rock’n’roll: Fender, Paul e Lover. Gli amplificatori Marshall hanno dato volume a sentimenti, passioni, idee, invenzioni musicali, deliri di una generazione. Lui stesso batterista, Jim, detto anche The Guv’nor, sapeva cosa volevano i suoi clienti. ”Non c’e’ chitarrista famoso che non abbia usato un Marshall in un momento o l’altro della sua carriera”, ha scritto il Guardian. E anche meno famoso. Tant’e’ che in vista del cinquantenario dell’azienda la Marshall Amp stava preparando una festa di anniversario in settembre alla Wembley Arena: cartellone ancora in fase di definizione con Nicko McBrain, batterista degli Iron Maiden, ma adesso listato a lutto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...