Massimino: «Lavoreremo per dare valore al “Fare impresa”»

Attualità

Massimino: «Lavoreremo per dare valore al “Fare impresa”»

3 CLASSIFICATOSinergia tra azione sindacale e servizi, orientamento al valore del cliente, interfunzionalità organizzativa: questi i valori “chiave” sui quali intende puntare Confartigianato Imprese Cuneo per il 2014.
Obiettivo principale rafforzare l’attività associativa, soprattutto verso le categorie, per dare un supporto sempre più efficace alle imprese associate, rendendo più coeso il rapporto tra associato e Sistema attraverso un impegno ancora più mirato ed incisivo sui problemi.
Di strategie future, non senza aver prima tracciato un bilancio sul difficile anno che sta per chiudersi, si è parlato nella conferenza stampa di fine anno organizzata dalla Confartigianato cuneese presso la sua sede provinciale.
«Questo incontro – ha commentato Domenico Massimino, presidente provinciale di Confartigianato – rappresenta un’occasione di riepilogo e confronto su ciò che è stato fatto e su quanto si intende fare nel prossimo futuro. Il perdurare della crisi, il peso ormai insostenibile della pressione fiscale, il sempre più difficile accesso al credito ed il costo oneroso del lavoro ha sfibrato il mondo artigianale, che se da un lato cerca di resistere con ogni sforzo possibile, dall’altro si interroga su come affrontare un nuovo anno che per il momento risulta ancora complesso e poco orientato ad una vera ripresa.

Dal canto nostro, siamo convinti che il lavorare insieme ed essere “uniti” nell’affrontare le difficoltà sia il primo passo per salvaguardare l’importante patrimonio imprenditoriale dell’artigianato. Abbiamo affrontato un 2013 in piena recessione dando ampio ed articolato sostegno alle imprese associate attraverso l’attività sindacale, il comitato di crisi e i tanti eventi promozionali attraverso i quali si è sottolineato il valore unico dei manufatti artigianali».
Raccolta in un “libro bianco”, presentato a giornalisti ed operatori della comunicazione, l’attività 2013 dell’associazione. Il compendio è scaricabile al link http://cuneo.confartigianato.it/libro-bianco-2013/.
Volte al futuro le osservazioni dei due vice presidenti provinciali, recentemente eletti al fianco di Massimino nel corso del 36° Congresso provinciale svoltosi a Fossano lo scorso 24 novembre e succedutisi nei ruoli a Graziella Bramardo e Roberto Ganzinelli, ai quali è stato rivolto un ringraziamento per l’impegno, la competenza e la condivisione degli obiettivi e dei percorsi.
«Fondamentale – dichiara Luca Crosetto, vice presidente provinciale vicario e vice presidente UEAPME (Unione Europea dell’artigianato e delle piccole e medie imprese) – sarà prestare grande attenzione all’Europa.

Sia per quanto riguarda le decisioni politiche ed economiche comunitarie, dato che oggi gran parte delle nostre leggi derivano da direttive europee, sia nelle azioni di accompagnamento verso i mercati esteri delle nostre imprese, che possono trovare nell’internazionalizzazione una nuova opportunità per promuovere i propri prodotti di qualità, espressione di quel “made in Italy” che tutto il mondo ci invidia».
«In questo momento nel quale le imprese chiedono delle risposte concrete, – aggiunge Giorgio Felici, vice presidente provinciale, in passato presidente regionale di Confartigianato Piemonte – rafforzeremo il dialogo con la Politica, che appare ancora troppo distante dal Paese reale. Tra le soluzioni, “fare rete” con le altre associazioni provinciali per risultare maggiormente uniti e coesi nei confronti dei decisori politici e dell’opinione pubblica e, parimenti, riuscire a sviluppare progettualità legate al nostro territorio».
Inoltre, sempre nell’ambito della conferenza stampa, si è proceduto alla premiazione delle opere vincitrici del concorso indetto dall’Associazione per celebrare l’anno tematico dedicato alla ceramica e al vetro.

Il progetto promozionale, sviluppato con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e Camera di Commercio di Cuneo, ha visto come “protagonisti” la pietra nel 2011 e il legno nel 2012. Il prossimo anno sarà invece dedicato ai metalli, sia comuni che preziosi.
Il primo classificato è risultato essere Mario Delpiano, della “Vetraria Braidese Snc” di Cherasco.
Secondo posto a Laura Novarino, dello “Studio Potter” di Peveragno.
Terza posizione per Flavio Martino Cravero, della “Vento che passa” di Moretta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche