Matrimonio Satta e Boateng: invitati feriti dopo incidente

News

Matrimonio Satta e Boateng: invitati feriti dopo incidente

MELISSA SATTA & KEVIN PRINCE BOATENG
MELISSA SATTA & KEVIN PRINCE BOATENG

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng si sono sposati. Il 25 giugno poco prima delle ore 19.30 si sono dichiarati amore eterno a Porto Cervo.

L’ex velina e il calciatore si sono dichiarati amore eterno nella chiesetta Stella Maris, luogo importante per Melissa, in quanto è stata la sua parrocchia dell’infanzia.

Con un abito bianco a sirena e scollo a cuore, firmato Atelier Emè e un maxi bouquet la Satta è stata accompagnata all’altare dal padre Enzo. Ad attenderla l’emozionatissimo Kevin Prince in frac di Disquared2. A fare da paggetto il figlio di due anni della coppia Maddox.

I “Satteng”, chiamati così dai loro fan hanno conquistato tutti per l’eleganza e la semplicità priva di divismo. I fratelli della sposa Maximilian e Riccardo, sono stati scelti come testimoni. Nel ruolo di damigelle, le migliori amiche di Melissa: Barbara Petrillo, Simona Salvemini, Samantha Crippa e la nipotina Nicole.

Dopo la cerimonia, la festa si è svolta sulla spiaggia di Pietra Ruja insieme ad un centinaio di invitati. Tra i vip invitati: Adriano Galliani, Elena Santarelli con il marito Bernardo Corradi, Maddalena Corvaglia, Giorgia Palmas, Juliana Moreira con il compagno Edoardo Stoppa, Renzo Rosso e Sulley Muntari.

Gli sposi sono insieme dal 2011. L’amore tra i due era stato un vero colpo, soprattutto per Kevin Prince Boateng che aveva dichiarato in un’intervista: “ È la donna perfetta per me: è bellissima, sexy, intelligente, in casa fantastica, cucina benissimo”.

Melissa, che almeno all’inizio aveva provato a resistergli aveva detto: “Uscivo da una relazione lunga e travagliata, non volevo buttarmi subito in un’altra storia. Però mi sono trovata davanti un tipo molto determinato”.

Dopo la festa, durata fino all’alba, c’è stato un tamponamento tra alcune macchine che ha portato lievi ferite per alcuni invitati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...