Maxi blitz contro le pandillas di Milano - Notizie.it

Maxi blitz contro le pandillas di Milano

Milano

Maxi blitz contro le pandillas di Milano

Dalle prime ore del mattino gli agenti del commissariato Mecenate di Milano stanno eseguendo 26 arresti di cittadini sudamericani, appartenenti alle “pandilla” Latin King, Luzbel, Neta, Ms13 e New York e coinvolti a vario titolo in tentati omicidi, rapine e risse avvenuti all’ombra della Madonnina. L’operazione ha visto coinvolte le province di Milano, Bergamo, Piacenza, Vercelli, Varese e Monza Brianza..

Le indagini hanno preso il via nell’ottobre del 2011, dopo che alcuni membri di una gang rivale hanno cercato di uccidere un 16enne all’uscita della discoteca “Secreto” in via Boncompagni, in zona Corvetto a Milano. Si trattava di una vendetta per l’aggressione subita, il 30 novembre, da un affiliato alla pandilla dei Neta.

Nei mesi successivi ci sono state altre aggressioni, tentati omicidi con coltelli e machete che hanno visto tra i protagonisti anche dei minorenni.

Gli ultimi episodi, in ordine di tempo, risalgono allo scorso Natale, alla discoteca ‘The Loft’, un appartenente ai Trebol e’ stato assalito con un machete e gravemente ferito, 80 punti di sutura; mentre il 29 gennaio scorso, alla stazione metropolitana Missori, c’e’ stata una violenta rapina ai danni di un ragazzo, compiuta da alcuni affiliati alla Ms13 e alla New York.

Per dovere di cronaca specifichiamo che “pandilla” è il nome che viene attribuito a gang sudamericane o comunque di lingua spagnola.

Sono gruppi informali di giovani che si incontrano in qualche luogo del quartiere, esprimendo così il loro senso di appartenenza e, allo stesso tempo, di rifiuto. I segni di appartenenza sono, in genere: un determinato modo di vestire, certi tatuaggi, disegni o graffiti nelle zone sotto il loro controllo, una peculiare gestualità delle mani e un lessico particolare. Ma il principale segno di distinzione resta la partecipazione sistematica ad attività illegali e violente. Spesso queste bande sono strettamente legate ad un territorio e il loro rapporto con la comunità locale può essere tanto minaccioso come protettivo, passando da un ruolo all’altro con facilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche