Maxi controlli sui permessi Ztl. Ataf, guerra alla sosta selvaggia

Firenze

Maxi controlli sui permessi Ztl. Ataf, guerra alla sosta selvaggia

Dal primo Novembre avrà inizio una delle tante rivoluzioni nei trasporti della giunta Renzi, in particolare novità per quanto riguarda Ztl e Zcs. I settori della ztl passeranno da 5 a 2, le zcs che dalle attuali 14 diventeranno solo 5, corrispondenti ai quartieri. Giro di vite sui permessi ztl: gli oltre 60 mila contrassegni rilasciati e attualmente in giro da febbraio prossimo saranno passati al setaccio, compresi i 4 mila oggi in mano ai garage privati del centro storico. Dal nuovo anno niente più fotocopia confusioni e sotterfugi perché i nuovi permessi avranno un codice anticontraffazione e i vigili saranno dotati di lettore ottico. I residenti, ma anche quelli che arrivano da altri quartieri della città, continueranno a parcheggiare gratuitamente sulle strisce bianche della loro zcs, ma l’area su cui potranno lasciare l’auto sarà più estesa. Mentre nelle zcs sarà permesso a tutti, residenti e non, di acquistare un abbonamento mensile, non solo a chi lavora come avviene oggi.

Si pagheranno 50 euro al mese nella zcs a ridosso del centro storico, 40 in tutte le altre.

L’abbonamento potrà essere fatto anche per più di una zcs e potrà anche essere annuale con uno sconto di 2 mensilità. Niente strisce viola: nella delibera approvata ieri però si dice che i residenti potranno farsi avanti per fare un abbonamento annuale in uno o più stalli della loro zona (contrassegno viola). In periferia spuntano invece 4 mila posti completamente liberi, gratis sia per residenti che non, pensati per avvantaggiare lo scambio con il mezzo pubblico. “Sarà più facile spostarsi all’interno di ciascun quartiere, è una riforma a vantaggio dei cittadini”, esulta l’assessore al traffico Massimo Mattei.

Ataf intanto intende essere più aggressiva contro chi lascia l’auto o il motorino fuori posto. Le soste selvagge che intralciano un bus non rischiano più solo una semplice multa ma potrebbe avviare una richiesta di risarcimento danni da diverse migliaia di euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*