Maximulta per Google COMMENTA  

Maximulta per Google COMMENTA  

Google ha accettato di pagare una multa di 7 milioni di dollari per aver raccolto dati privati senza autorizzazione tramite il sistema di mappatura Street View da hotspot Wi-Fi.


La società di Mountain View ha raggiunto un accordo con 38 stati americani più il Distretto di Columbia.

Si tratta di una delle sanzioni più alte per violazione della privacy comminate negli ultimi anni.


Google ha promesso che email, password, cronologie di navigazione web e altri dati intercettati dalle auto che mappano le citta’ Street View tra il 2008 e il 2010 saranno distrutti.

“I consumatori hanno delle aspettative sulla privacy. Questo accordo riconosce questi diritti e assicura che Google non userà tattiche simili in futuro per raccogliere informazioni personali senza il permesse dei consumatori” afferma il procuratore generale del Connecticut, George Jepsen.

L'articolo prosegue subito dopo

L’indagine è partita dallo Stato del Connecticut, a cui si sono aggiunti diversi altri stati americani.
Non è la prima volta che il più grande motore di ricerca in circolazione viene multato per violazione della privacy:
 la scorsa estate ha patteggiato con la Federal Trade Commission il pagamento di 22,5 milioni di dollari per aver bypassato le impostazioni di privacy del browser Apple Safari.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*