Medici scambiano una cisti per un tumore e operano. La sua vita è rovinata COMMENTA  

Medici scambiano una cisti per un tumore e operano. La sua vita è rovinata COMMENTA  

Storia di un altro terribile caso di malasanità in Italia che questa volta ha toccato un uomo di 44 anni

Domenico Colle ha 44 anni e la sua vita è stata stravolta a causa di una diagnosi errata. I medici avevano trovato un tumore maligno e decisero di intervenire con un’operazione per asportare la massa. Dopo aver rimosso lo stomaco, una parte di diaframma, la milza, mezzo colon e il pancreas il chirurgo ha fatto una sconvolgente scoperta: non si trattava di una  massa tumorale ma di una semplice cisti. Li per lì Domenico si sentì sollevato per la notizia, ma passato breve tempo si rese conto dei danni enormi che questo errore gli aveva provocato.

Leggi anche: Schiaccia un’enorme cisti dalla testa del paziente, assurdo quello che esce


Le sue condizioni di salute sono drasticamente peggiorate, oltre ad aver perso più di 30 kg il signor Colle è diventato incontinente ed ha bisogno di mangiare moltissime volte durante l’arco della giornata.

Leggi anche: Ha un’enorme cisti dietro l’orecchio, la dottoressa Pimple la rimuove

Per queste gravi problematiche l’uomo ha perso il lavoro e non è mai riuscito a trovarne un altro, nessuno si sente di assumere una persona così poco indipendente fisicamente.

Domenico vive con i 200 euro al mese della pensione per gli invalidi e chiede giustizia: Vorebbe avere un risarcimento monetario per tutti i danni irreversibili che ha subito che gli hanno totalmente stravolto la vita.

L'articolo prosegue subito dopo

L’uomo ha raccontato tutto a La Nazione nella speranza che la sua voce possa essere ascoltata da più persone possibili.

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*