Meglio un condizionatore o un ventilatore COMMENTA  

Meglio un condizionatore o un ventilatore COMMENTA  

condi

Quando arriva il caldo dell’estate, in ogni casa si corre ai ripari, cercando di creare un po’ di refrigerio almeno tra le pareti domestiche.

Leggi anche: Torino: climatizzatore peggio dell’afa


Da sempre la difesa dal caldo si muove su due fronti differenti: da una parte c’è chi preferisce il condizionatore, dall’altra chi invece ama il ventilatore. Ecco i pro e i contro.

Leggi anche: Torino: Caldo torrido, uomo colpito da infarto


Di certo, il condizionatore ha un maggior potere rinfrescante: non si limita a muovere l’aria presente, come invece fa il ventilatore, ma raffredda davvero l’aria proveniente dall’esterno.

Questo però comporta costi assai maggiori, sia come installazione che come consumi. Per l’installazione, tanto il ventilatore che il condizionatore possono essere fissi o mobili, ma i costi per fare un impianto di condizionamento sono decisamente superiori a quelli per fissare delle pale di ventilatore al soffitto.


A livello di salute, il  ventilatore è preferibile al condizionatore. Quest’ultimo può causare malattie respiratorie, anche se in commercio ne esistono con filtri molto efficaci.

L'articolo prosegue subito dopo


Il ventilatore infine è “green“: non nuoce all’ambiente. Il condizionatore è uno dei responsabili del surriscaldamento globale.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*