Melfi: Roberto Russo è fuori pericolo

Calcio

Melfi: Roberto Russo è fuori pericolo

Non solo Fabrice Muamba. La scorsa domenica di calcio era stata caratterizzata dalla sinistra coincidenza di due drammatici episodi che avevano visto altrettanti giocatori rischiare la vita sul campo a migliaia di chilometri di distanza: ma se le telecamere di tutto il mondo si sono concentrate sul giocatore del Bolton, accasciatosi improvvisamente al suolo vittima di un infarto durante la partita di FA Cup contro il Tottenham, pure nella Seconda Divisione italiana si è sfiorata la tragedia con lo scontro di gioco di cui è rimasto vittima Roberto Russo. Solo sfiorata, però, perchè come Muamba dà confortanti segni di miglioramento pur non essendo ancora fuori pericolo di vita, le cose vanno decisamente meglio per il difensore del Melfi che, all’interno di un quadro generale parso subito meno grave rispetto a quello di Muamba, è ormai da considerarsi fuori pericolo.

Questo l’esito degli accertamenti effettuati presso l’ospedale di L’Aquila dove Russo si trova ricoverato dalle 16.00 circa di domenica pomeriggio dopo un terribile scontro di gioco con l’attaccante del Celano Antonio Croce al 21′ del secondo tempo della partita disputata al “Piccone” della città abruzzese.

Il giovane terzino, vent’anni, tarantino, all’esordio tra i professionisti dopo una stagione in Serie D al Melfi aveva subito la frattura delle ossa frontali e nasali oltre ad un trauma cranico che l’aveva mandato in arresto cardiaco: sospeso immediatamente il gioco vista la gravità del fatto, Russo era stato rianimato in campo dal medico del Celano, Giulio Del Gusto, che è anche cardiologo, ed aveva ripreso conoscenza già in ambulanza. Ma con grande sensibilità squadre ed arbitro avevano deciso prima di riprendere il gioco di attendere notizie confortanti sulla salute di Russo: notizie che sono puntualmente arrivate. Il Celano ha poi vinto la partita grazie ad un gol di Sciamanna al settimo dei tredici minuti di recupero ma a società e staff del Melfi importa sicuramente di più poter riabbracciare Russo molto presto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...