Melograno: i grani rossi dell’autunno dalle proprietà antitumorali

Attualità

Melograno: i grani rossi dell’autunno dalle proprietà antitumorali

La storia del melograno ci riporta a tempi antichi, a leggende e storie che ne parlano come di un il simbolo di abbondanza, di longevità e di resurrezione.

Nella vecchia Cina a farne uso i neosposi proprio per “benedire” il matrimonio.
Già i romani, lo coltivavano e lo utilizzavano ad ornamento di talamo e vesti nuziali.
Sempre di melograno le bacchette dei rabdomanti e dei cacciatori di tesori.

Ma oggi gli studi scientifici hanno rivelato che c’è qualcosa di più e che va al di là della leggenda, in quei grani vermigli di questo frutto autunnale.
Secondo una ricerca condotta alla University of California, una sostanza estratta dal melograno sarebbe in grado di portare alla morte le cellule del tumore

Il melograno è, infatti, pieno di acido ellagico, un vero toccasana per via della sua marcata attitudine anticancerogena soprattutto nella fase iniziale del tumore.
Ecco gli effetti di questo frutto autunnale su talune specifiche tipologie tumorali:
cancro alla prostata; ne frena la la progressione, ingerire regolarmente melograno va infatti ad inferire positivamente sui livelli del PSA, ossia sul marcatore biologico di questo male;
cancro al seno e cancro ai polmoni; anche in questi casi gli studi accertano che il succo di melograno, se bevuto con continuità, può aiutare a contenere il proliferare delle cellule maligne e quindi l’accrescimento del tumore;
cancro dell’apidermide, i polifenoli e le sostanze antiossidanti del melograno schermano l’azione dei raggi ultravioletti, limitando, anche in questo caso il proliferare della malattia.

Che dire? Un antico rimedio dalle rinnovate proprietà curative.

Non ci resta che farne grande uso!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche