Memoria: come migliorarla con integratori naturali

Salute

Memoria: come migliorarla con integratori naturali

Memoria
Memoria: come migliorarla con integratori naturali

Avere buchi o vuoti di memoria, in tempi così frenetici, è una situazione molto comune. E se volessimo combatterli con rimedi naturali?

Avere buchi o vuoti di memoria, in tempi così frenetici, è una situazione molto comune. E se volessimo combatterli con rimedi naturali? Innanzitutto conosciamo più a fondo il problema e poi andiamo a vedere le possibili soluzioni

Memoria: cos’è?

La memoria è la capacità di assimilare le informazioni in maniera tale da mantenerle nel tempo. Possiamo definirla come un “deposito” mentale di tutte le informazioni acquisite da un individuo nella propria vita e l’insieme dei processi mentali che consentono alla persona di recuperare e utilizzare tali informazioni, quando servono. La memoria possiamo immaginarla come un grande magazzino dove accumuliamo tutte le nostre informazioni e conoscenze, utili per soddisfare i nostri bisogni.

La memoria è una delle capacità mentali più importanti per l’uomo. Perdere la memoria significherebbe perdere la propria storia personale, la propria identità; sarebbe impossibile anche trasferire delle semplici conoscenze da padre a figlio o da insegnanti ad alunni.

Le prime “teorie” sulla memoria risalgono addirittura ai tempi degli antichi greci. Platone paragonava la memoria umana a una cera morbida sulla quale le esperienze lasciano le tracce; l’oblio ha luogo man mano che nuove tracce cancellano gradualmente quelle già esistenti.

I primi esperimenti scientifici sulla memoria umana vennero condotti da Ebbinghaus nel 1876. Egli fece le proprie ricerche su se stesso, elaborò una serie di semplici compiti mnestici e osservò come li eseguiva.

Sviluppare la memoria e la capacità di memorizzazione, quindi, ha sempre affascinato numerosi studiosi ma soprattutto è sempre stata ed è una delle difficoltà maggiori degli studenti.

Esercizi per allenarla

Ecco brevemente alcune mnemotecniche e piccoli suggerimenti per migliorare lo studio e per ricordare più facilmente.

Metodo di studio

Se ad esempio si ha un esame importante o un’interrogazione è fondamentale iniziare a studiare per tempo e con regolarità. È buona norma seguire sempre le lezioni, prendere appunti e sciogliere tutti i dubbi sugli argomenti trattati. Non ci si deve vergognare di fare domande, ogni persona ha dei dubbi e le persone intelligenti devono avere la forza e il coraggio di chiarirseli. Quindi prima di ogni esame o di ogni interrogazione è bene fare alcune piccole cose fondamentali:

Controllare il materiale da studiare per farsi un’idea dei contenuti e della quantità, non facendolo con superficialità e soprattutto senza motivazione.

Leggere attentamente il libro, senza correre troppo: perderete più tempo ad arrivare all’ultima pagina e poi dover ritornare indietro perchè non si ricorda un argomento oppure perchè non si hanno chiari i concetti. Per memorizzare meglio, sarebbe utile leggere attentamente un concetto e poi richiamarlo alla mente, a libro chiuso, qualche minuto dopo.

Utilizzare delle mappe concettuali, come teorizzate da Joseph Novak, negli anni 70. Una mappa concettuale non è altro che uno schema grafico col quale sintetizzare e memorizzare lo studio. Grazie alle mappe si può memorizzare velocemente, facilmente e ricordare nel tempo.

Sottolineare ma in maniera essenziale: si devono sottolineare solo le frasi fondamentali, mettendo qualche parola chiave a fianco del testo. Scegliete un evidenziatore che più vi aggrada, possibilmente chiaro, oppure una matita per poter meglio modificare le cose da sottolineare.

Non sottovalutare le immagini, iniziando ad associare all’immagine una determinata pagina all’interno della quale è contenuta una parte del testo.

Commentare quanto c’è scritto nel libro e non studiare passivamente. Formulare domande ed elaborare le nozioni migliora la comprensione e la memorizzazione.

Esercitarsi a ripetere e ad esporre ciò che si è studiato. Come dicevano i latini “repetita iuvant”. Spesso si può conoscere un argomento ma non si è in grado di parlarne con buone proprietà di linguaggio; è importante quindi imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi.

Imparare a concentrarsi e a rilassarsi. L’ansia e il nervosismo non giova di certo alla memoria.

Memoria: cosa sono le mnemotecniche?

Le mnemotecniche sono degli stratagemmi o metodi per ricordare qualcosa. Una delle mnemotecniche più antiche è quella usata dagli oratori dell’antica Grecia e Roma, ovvero la “tecnica dei loci”. Ancora oggi è molto utilizzata da molti uomini pubblici per non perdere il “filo” logico dei loro discorsi.

Tecnica dei loci

La tecnica dei loci o (tecnica dei luoghi) è una mnemotecnica associativa molto utile per memorizzare, per esempio, lunghi discorsi da tenere in pubblico. Si posizionano le nozioni da ricordare collegandole mentalmente a oggetti di un luogo familiare o comunque di un luogo che si conosce molto bene come casa propria.

Quando dovete dire il vostro lungo discorso, immaginate di ripercorrere ad esempio le diverse stanze della vostra abitazione nell’ordine desiderato e riportate alla mente i concetti chiave che avete associato ad ogni luogo. In questo modo non perderete il filo del discorso o un passaggio di una dimostrazione. Potete utilizzare questa tecnica anche per ricordare elenchi più o meno lunghi come la lista della spesa.

Le parole di velcro

Le parole di “velcro” o parole -piolo, sono semplici parole da associare ai concetti che vogliamo ricordare, sfruttandone meccanismi associativi come la rima, che si appenderanno alla cosa da ricordare proprio come un velcro. Ecco alcuni esempi di parole di velcro o piolo da associare a dei numeri: uno-nessuno, due-bue, tre-re, quattro-ratto, eccetera.

Gli acronimi

Un acronimo è una parola costituita da parti di parole che costituiscono un’espressione più complessa. Ad esempio DSM sta per Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali etc. La lingua inglese è la lingua che vanta il maggior numero di acronimi. Questi espedienti sono molto efficaci per memorizzare liste e concetti chiave.

Utilizzare le filastrocche, rime e fraseggi aiutano la memoria!

Basti pensare alle care filastrocche del passato per ricordare le date “trenta giorni ha novembre con aprile, giugno e settembre, di ventotto ce n’è uno, tutti gli altri ne han trentuno”. Oppure ancora, quanto è utile e bello ricordare quelle piccole poesie con le quali imparavamo la grammatica.

Ma si può anche allenare la memoria con integratori naturali, come il rivoluzionario Ginkgo 120 Stem. Andiamo a conoscerlo meglio

GINKO 120 STEM

Ginkgo 120 Stem: cos’è

Ginkgo 120 Stem è un integratore biologico e naturale che stimola l’attività cerebrale e la memoria. In maniera tale si rivela perfetto in tutti quei momenti in cui la nostra memoria ha bisogno di un aiuto.

Ginkgo 120 Stem favorisce l’ossigenazione e la circolazione sanguigna con grandi benefici per il cervello e per la concentrazione. Da sempre, il Ginkgo viene utilizzato per migliorare le funzioni cerebrali per via dell’elevato contenuto di sostanze come terpeni, flavonoidi, Vitamina C, carotenoidi e sostanze antiossidanti che aiutano il sangue e l’organismo a liberarsi da scorie e tossine.

Questo integratore, privo di caffeina o altre sostanze eccitanti, svolge un’azione del tutto naturale sull’organismo aiutandovi a rinforzare il sistema immunitario e a rigenerare i tessuti danneggiati. Al suo interno possiamo trovare un complesso di sostanze attive, attentamente bilanciate, con funzioni energizzanti e antiossidanti capaci di stimolare la produzione di cellule staminali. Ginkgo 120 Stem è particolarmente indicato anche per gli anziani; infatti è un’ottima fonte di antiossidanti che riesce a intervenire sul processo di riparazione cellulare.

Ginkgo 120 Stem: funziona?

Ginkgo 120 Stem funziona perché al suo interno contiene estratto puro di Ginkgo Biloba, Ginseng e la celebre alga Afa. Quest’ultima, ricca di 12 vitamine, 27 minerali e 11 precursori essenziali naturali, ha la capacità di favorire la produzione di cellule staminali che riparano i tessuti danneggiati così da preservare il benessere di tutto l’organismo.

Nel dettaglio questo integratore energizzante contiene elevate dosi di:

Ginkgo Biloba: stimola la circolazione sanguigna e favorisce l’ossigenazione del cervello quindi come abbiamo visto è ottimo per mantenere una buona memoria. Grazie all’elevato contenuto di flavonoidi con potere antiossidante, contrasta il precoce invecchiamento cellulare;

tre tipi di ginseng: cinese, siberiano e indiano. Il ginseng cinese è efficace contro la stanchezza e conferisce all’organismo energia e vitalità. Il ginseng siberiano migliora le funzioni cognitive. Infine il ginseng indiano, invece, è un tonico naturale;

alga Afa: si tratta di un’alga molto rara che cresce solo nelle acque del lago Klamath (Oregon, Stati Uniti). L’alga Afa è in grado di stimolare la produzione di cellule staminali per riparare i tessuti danneggiati del corpo. Inoltre, contrasta i radicali liberi ed è una fonte di feniletilamina che non solo integra il Ginkgo Biloba, ma riduce anche ogni tipo di dolore.

estratto di Ganoderma: contribuisce al benessere di tutto l’organismo.

I benefici

Grazie alle incredibili sostanze contenute in ogni capsula di Ginkgo 120 Stem, vi sentirete subito più attivi, vitali e lucidi. Questo integratore naturale è ideale per chiunque abbia la necessità di un sostegno per affrontare al meglio le sfide quotidiane. Tanti sono i benefici apportati da Ginkgo 120 Stem, in particolare:

stimola la memoria: migliorando la circolazione e l’ossigenazione sanguigna, Ginkgo 120 Stem ha effetti benefici sull’attività cerebrale;

migliora il benessere: contrasta i radicali liberi ed è una fonte naturale di antiossidanti;

aumenta le capacità cognitive: il cervello reagisce più in fretta a ogni stimolo esterno così da migliorare la vostra capacità di attenzione.

Come abbiamo detto all’inizio di questo articolo, sono tante le sfide quotidiane che ognuno di noi si trova ad affrontare. Per questo, il nostro organismo può subire dei naturali momenti di down che, soprattutto in determinati periodi dell’anno, ci impediscono di condurre una vita piena e attiva costringendoci a scegliere di dover rinunciare a qualcosa.

Invece, grazie alle capsule di Ginkgo 120 Stem non sarete più costretti a rinunciare a nulla. Sport, lavoro, studio, uscite con gli amici e tante altre attività che prima vi arrecavano stress e stanchezza, saranno nuovamente possibili grazie all’assunzione quotidiana di Ginkgo 120 Stem. Basta rinunce e inutile stress, questo integratore vi permetterà di affrontare ogni giornata con la grinta e la vitalità che meritano. Basta assumere 1 capsula al mattino ogni giorno o, in casi di particolare stanchezza, anche due per avvertire subito i primi benefici.

Memoria e Concentrazione: Solgar Memo Plus

Per stimolare la concentrazione e migliorare la capacità di memorizzare le cose che assimiliamo durante la giornata, anche Amazon mette a nostra disposizione diverse soluzioni. Premettendo che l’utilizzo di integratori è consigliabile solo in periodi in cui si ha una forte necessità di rimanere attivi e concentrati, questi prodotti possono davvero migliorare la qualità di vita. In questo articolo, oltre al Ginkgo 120 Stem, proponiamo anche l’integratore alimentare di Solgar. Come qualsiasi integratore, anche il Memo Plus non va inteso come sostituto di una dieta variata e di uno stile di vita sano. La modalità di assunzione è di 1/2 perle al giorno, consigliabile durante i pasti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 712 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+