Memorie: La luna COMMENTA  

Memorie: La luna COMMENTA  

E’ buffo come ho vissuto nel Maine per tutta la mia vita e non ho mai visto una vera luna piena fino a quando mi sono trasferita nella casa dove vivo ora … forse  non ho mai prestato attenzione ad esso, o forse perchè  la mia casa d’infanzia era circondata da querce massicce, pini e betulle.Ricordo che su letti di aghi di pino , non riuscivo  vedere il cielo ~ solo alberi e rami che ondeggiavano avanti e indietro. A volte sembrava come se tutto il mondo fosse messo a tacere in modo che tutto quello che potevo sentire era il fruscio delle foglie che fluttuavano le une contro l’altre.Io non so perchè non mi sentivo al sicuro, ma ho sempre avuto bisogno di avere una luce accesa  nella mia stanza mentre dormivo … anche da adulta. Mio marito non mi ha mai chiesto perché, l’ha accettato. Dopo che sono nati i nostri due figli , ho voluto avere una luce notturna, in ogni stanza. Mio marito avrebbe potuto raccontare a tutta la nostra famiglia e agli amici che la nostra casa potrebbe essere vista dallo spazio, ma questi pensieri sono stati rapidamente spenti. Volevo fare in modo che anche nel cuore della notte sarei stata in grado di raggiungere i ragazzi, senza inciampare in un giocattolo o sbattere contro un muro. Volevo anche i nostri figli fossero stati  in grado di arrivare a noi per le stesse ragioni … ha un senso non è vero?

Ebbene, un giorno d’inverno durante una violenta tempesta, i nostri fili elettrici sono stati strappati dalla nostra casa. I bambini ed io abbiamo trovato eccitante non avere televisione, telefono o radio. Tutto era così tranquillo. Tutto quello che potevo sentire era il ticchettio morbido di nevischio contro le nostre finestre frustrate amaramente dal freddo e dal vento .

Dopo una folle corsa fuori a prendere un po ‘di legna, abbiamo acceso la nostra vecchia stufa a legna quindi optato per un po ‘di cioccolata calda e giochi da tavolo . Le ore sono scivolate via tra risate e  storie di pirati, lunghe navi perdute, e cavalieri in armatura brillante venuti a salvare le loro principesse in attesa.

Mio marito è arrivato a casa dopo una giornata di brutale vento e freddo, e mentre sedeva accanto al fuoco mi ha informato che non aveva visto più nessuno vicino a casa nostra e che avremmo avuto bisogno di “trincerarci” giù per una lunga notte fredda. Tutto ad un tratto mi sono resa conto che il fuoco sarebbe stata la nostra unica luce … non avevamo le nostre batterie per torce elettriche, lanterne e neon. Le nostre candele che avevamo usato tutto giorno erano basse sui loro stoppini e certamente non sarebbero durate per tutta la  notte. Sentivo il mio cuore battere forte mentre sistemavo cuscini e coperte in salotto. Scese la notte su di noi con noncuranza, e rapidamente.

Non so come o quando mi sono addormentata, quella notte, ma l’ho fatto solo per svegliarmi in quello che sembrava essere l’arrivo di una nuova alba. Con mia grande sorpresa, ho guardato l’orologio, ho visto che era 1:30. Ho chiesto a me stessa come poteva esserci la luce fuori, e mentre guardavo la finestra del soggiorno, ho visto la luna piena più grande che avessi mai visto. Avevo 36 anni.

Era la mia luce notturna.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*