Messina di nuovo senz’acqua dopo le frane del week end

Catania

Messina di nuovo senz’acqua dopo le frane del week end

Non c’è pace per la città di Messina, dove è tornata a mancare l’acqua per una nuova frana che ha riguardato la condotta di Fiumefreddo a Calatabiano, attraverso la quale viene portata l’acqua nella provincia peloritana.

Il maltempo avrebbe causato nuovi danni, e adesso i tecnici starebbero cercando di indentificare il nuovo guasto, per evitare che la città possa nuovamente rimanere a secco.

Il direttore dell’Amam, Luigi La Rosa, ha dichiarato che, se si rendesse necessario farlo, sarà attivato il bypass: ‘Ci stiamo recando sul posto per vedere l’entità del danno, comunque valuteremo di attivare anche il bypass’.

Nella scorsa settimana la città era rimasta a secco per ben 6 giorni, in attesa che fosse riparato il guasto alla condotta idrica.

La crisi idrica di Messina, è diventato un caso nazionale grazie ad un video postato dal celebre conduttore Fiorello, che avrebbe richiamato l’attenzione dei media, sulla grave vicenda assolutamente taciuta dai tg nazionali.

A causa della mancanza di acqua le scuole erano rimaste chiuse per alcuni giorni, e la gente aveva dovuto ricorrere alle taniche per rifornirsi d’acqua presso le autobotti messe a disposizione dalle autorità.

E’ stato lo stesso presidente dell’Amam, Leonardo Termini, che evidenziò come una nuova perturbazione avrebbe potuto causare nuovi danni alla condotta idrica, ormai duramente provata dopo le frane e gli smottamenti del mese di ottobre. E puntualmente, dopo la perturbazione del week end, il problema della crisi idrica si è nuovamente riproposto in tutta la sua drammaticità.

Dopo la riparazione del guasto, il forte maltempo che ha imperversato nella fascia ionica, ha nuovamente ricreato le condizioni per la rottura della condotta idrica. Il sindaco messinese Accorinti, negli scorsi giorni, aveva fatto appello alle isitituzioni affinchè fossero stanziate le risorse per ovviare al dissesto idrogeologico dell’area di Messina, che in passato ha causato frane e smottamenti, culminati nella tragedia dell’alluvione del 2009 che causò ben 29 morti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...