Metallica: James Hetfield contro gli haters COMMENTA  

Metallica: James Hetfield contro gli haters COMMENTA  

Metallica
Metallica: James Hetfield contro gli haters

Il frontman dei Metallica, James Hetfield ha parlato del nuovo disco e messo a tacere gli haters che criticano la band per partito preso.

Il cantante e chitarrista dei Metallica, James Hetfield è stato ospite dell’emittente radiofonica 93.3 WMMR. La voce dei Four Horsemen ha toccato diversi temi ma ovviamente, ha riservato grande spazio a “Hardwired… To Destruction”, il nuovo e atteso album che arriverà nei negozi il 18 novembre.


Hardwired… To Destruction” è il primo lavoro della band dal 2008 ad oggi, anno di pubblicazione di “Death Magnetic”, fatta eccezione per “Lulu” (2011), lavoro che ha visto la band collaborare con Lou Reed.


In questi giorni il nuovo brano Hardwired è in heavy rotation. In precedenza era stata proposta dal vivo la song Lord Of Summer ma a differenza del suddetto pezzo, Hardwired è più diretta. Detto questo, con “Hardwired… To Destruction” siano finalmente tornati alle loro radici.


Hardwired è l’ultima canzone che abbiamo scritto – spiega Hetfield – possiamo dire che è una sorta di sommario di tutto ciò che c’è nel nuovo disco. Senza dubbio è una delle song più brevi dell’album.

Al nuovo disco farà seguito un tour mondiale:

Non ci sono dubbi sul fatto che andremo in tour, anche se non so ancora esattamente dove suoneremo.

L'articolo prosegue subito dopo

Vorrei esibirmi dovunque fosse possibile.

Il nuovo album non è ancora uscito ma gli haters sono già entrati in azione, ci sono ancora fan che accusano i Metallica di essersi venduti:

In giro c’è gente che cova rancore nei nostri confronti da oltre dieci anni e si sfogano contro il nostro album, senza neanche averlo ascoltato. Non sono delle critiche musicali. A noi non frega un cazzo. Amiamo quello che facciamo e continueremo a farlo perché ci piace. Siamo artisti, la gente può giudicare quanto gli pare ma noi continueremo a fare ciò che riteniamo giusto per noi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*