“Mi sento vicino a chi ha perso tutto”: Genova sommersa dal fango

Cultura

“Mi sento vicino a chi ha perso tutto”: Genova sommersa dal fango

Il nipote di un infermiere in pensione ucciso durante drammatica alluvione della scorsa settimana nella città portuale di Genova ha chiamato giustizia durante il funerale di Antonio Campanella.
“Mi sento vicino a chi ha perso tutto,” dice il nipote di Campanella, Roberto Albini, che ha detto questo alla fine del funerale.
“A questo punto, però, chiedo solo giustizia”, ha aggiunto.

alluvione genova 1

Durante il funerale, le perdite della città sono state sottolineate.
“La sofferenza di Genova è stata e rimane grande. Non accadrà mai più che una persona vive e muore da sola”, ha detto monsignor Marco Doldi, vicario generale dell’arcidiocesi di Genova. Questa settimana i pubblici ministeri di Genova ha aperto una inchiesta sul disastro causato dall’uomo dopo le inondazioni che hanno colpito la città la scorsa settimana, uccidendo Campanella e coperto l’area metropolitana di fango.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...