Michael Bublé: la moglie racconta i mesi di malattia del figlio

Cronaca

Michael Bublé: la moglie racconta i mesi di malattia del figlio

Michael Bublé

Intervistata in una trasmissione argentina, Luisana Lopilato, moglie di Michael Bublè, ha parlato della battaglia contro il cancro del piccolo Noah

Il peggio è passato, ma c’è ancora un lungo percorso ancora in corso. “La Fede mi ha aiutato”. Così Luisana Pilato, moglie di Michael Bublé, ha parlato per la prima volta della battaglia contro il cancro del piccolo Noah, reduce dal primo ciclo di chemioterapie. Al piccolo, di tre anni e mezzo, era stato diagnosticato un tumore al fegato lo scorso novembre. I genitori avevano deciso di prendersi entrambi una pausa dalle loro carriere per dedicarsi totalmente alle cure necessarie al piccolo. Oggi la famiglia, di cui fa parte anche il piccolo Elias di un anno, ha finalmente ritrovato il sorriso.

Era stato il settimanale argentino “Gente” a dare per primo la notizia che al figlio di Michael Bublé era stato diagnosticato un tumore al fegato. “Il cancro è una terribile malattia, ma abbiamo fede in Noah che sarà in grado di superare una cosa del genere. Il tempo ci mette di fronte a un lungo e difficile periodo, un trattamento che dovrà essere fatto e portato a termine.

I bambini di solito sono più forti degli adulti e mio nipote affronterà la chemioterapia come un guerriero”. Questo aveva dichiarato la cognata di Bublé al periodico. Il ciclo iniziò tra pochi giorni la notizia in una clinica specializzata di Buenos Aires, per proseguire poi nei mesi seguenti.

Michael Bublé: il figlio guarito dal cancro al fegato

Oggi, intervistata da una tv argentina, Luisana ha raccontato tutte le enormi difficoltà incontrate negli ultimi sette mesi. Ha anche parlato delle armi utilizzate dalla famiglia nella lotta alla malattia. “È devastante per qualsiasi genitore ricevere una notizia come la nostra”, ricorda la donna a proposito del momento della diagnosi. Un grande aiuto, dice, è arrivato in particolare dalla fede. La modella ha confidato infatti di aver pregato molto affinché il bimbo guarisse. Ha detto anche di essersi recata a messa ogni settimana. L’affetto della famiglia ha fatto poi tutto il resto.

Sono stati mesi di enorme apprensione, come prevedibile, per il cantante canadese.

Dopo la diagnosi di cancro al fegato arrivata all’inizio dello scorso novembre, i successivi mesi di chemioterapia per il figlio non si erano rivelati sufficienti a debellare la malattia dal corpicino. Pertanto si era necessaria una ulteriore operazione a fine dicembre. Ora Michael Bublé e la sua famiglia, finalmente, possono tirare un sospiro di sollievo. La moglie di Bublé ha raccontato che tutti e quattro, oggi, sono più uniti di prima.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche