Michele Mellano è il nuovo direttore di Coldiretti Torino

Torino

Michele Mellano è il nuovo direttore di Coldiretti Torino

Torino – Michele Mellano è il nuovo direttore di Coldiretti Torino. 37 anni, diplomato ragioniere, fossanese, figlio di imprenditori agricoli. Entrato in Coldiretti sin dal 1995. La nomina a direttore di Coldiretti Torino è arrivata martedì sera, durante il consiglio direttivo, riunito al secondo piano di Palazzo Svolta, sede di Coldiretti Torino, sotto la presidenza di Roberto Moncalvo, alla presenza di Antonio Biso, vice segretario organizzativo nazionale di Coldiretti e Bruno Rivarossa, direttore di Coldiretti Piemonte.
“Metterò tutto il mio impegno in questa nuova avventura – ha detto Michele Mellano, nel suo indirizzo di saluto –. Sono a disposizione della Giunta, del Consiglio e delle imprese agricole torinesi per dare massima concretezza al progetto Coldiretti per una filiera agricola tutta italiana. Intendo ringraziare la Coldiretti per l’opportunità che mi viene offerta con la nomina a direttore della Federazione di Torino. Sono cosciente della responsabilità che mi viene affidata. Sin da subito intendo mettermi in ascolto e a confronto con i soci e con i dirigenti”.
Michele Mellano subentra a Diego Furia.

“Ho passato 4 anni meravigliosi in termini professionali e personali – ha detto Diego Furia, salutando il consiglio direttivo –. Ho trovato una provincia con un livello di imprenditorialità elevato e con una grande varietà di produzioni agroalimentari. La Federazione di Torino mi ha dato la possibilità di crescere professionalmente e umanamente. In questi anni si sono raggiunti importanti risultati sia in termini politico e sindacali sia economici e finanziari, a tutto beneficio delle imprese agricole. E questo, grazie anche alla struttura della Federazione torinese. Spero di essere stato all’altezza: sono cosciente di avere diretto una delle migliori federazioni d’Italia. Ora il mio percorso in Coldiretti continua, come è giusto che sia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...