Microsoft acquista Linkedin per 26 miliardi di dollari

News

Microsoft acquista Linkedin per 26 miliardi di dollari

Microsoft

Microsoft, il gigante della tecnologia, compra Linkedin, il social network lavorativo, per una cifra da record.

È ormai ufficiale: Redmond, colosso proprietario di Microsoft, compra Linkedin per una cifra record da 26,2 miliardi di dollari. Entro il 2017 perciò l’app che conta più di 400 milioni di professionisti iscritti nel mondo entrerà a far parte dell’organico di Microsoft.

L’accordo stipulato prevede che Linkedin mantenga il suo brand di cultura e indipendenza che l’ha reso famoso tra i professionisti di tutto il mondo e che l’amministratore delegato Jeff Weiner rimarrà al suo posto. Il contratto sarà ufficializzato entro la fine del 2016 e Microsoft sborserà la prima trance monetaria attraverso l’emissione di un nuovo debito.

Dopo l’annuncio della notizia, il titolo di Linkedin alla borsa di Wall Street ha registrato un +47,57% mentre Microsoft ha aperto con -3,92%. Nonostante Linkedin conti milioni di utenti, nel 2015 ha chiuso con un rosso di 8,4 milioni di dollari.

Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft, ha dichiarato che l’accordo porterà una crescita di entrambe le parti interessate mentre Jeff Weiner sostiene che la connessione tra Linkedin e Microsoft darà la possibilità di cambiare anche il mondo in cui si lavora.

Linkedin è un servizio web sociale gratuito – con alcune opzioni a pagamento – che permette un’interfaccia diretta tra i milioni di professionisti presenti in tutto il Globo. Diffuso in tutto il Mondo, conta più di 1 milione di iscritti alla settimana.

Le nazioni che più utilizzano l’app sono gli USA, l’India, il Regno Unito e il Giappone ma anche Italia, Francia e Paesi Bassi la usano in maniera costante.

La sede legale di Linkedin è a Palo Alto (California) e la sua diffusione è molto alta in tutti gli Stati Uniti d’America. Le origini del suo successo non solo riguardano la facilità di consultazione dell’app ma anche il fatto che si instauri effettivamente un buon legame tra domanda e offerta, permettendo così ai milioni di lavoratori del Mondo di rimanere sempre aggiornati circa le numerose offerte di lavoro che li riguardano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche