Migranti: Gianni Morandi si dice pronto ad ospitare i profughi, e la Lega lo attacca

Attualità

Migranti: Gianni Morandi si dice pronto ad ospitare i profughi, e la Lega lo attacca

Gianni Morandi, il celebre cantante italiano, ha spezzato pubblicamente una lancia a favore dell’accoglienza dei profughi, comunicando la propria volontà sul proprio profilo social di volere ospitare in casa dei migranti. L’artista emiliani è intervenuto con un post sul proprio profilo facebook che parla di immigrazione , dichiarandosi “molto colpito” e commosso dalla buona accoglienza offerta ai rifugiati approdati a Monaco di Baviera nella speranza di “un futuro migliore”.

Rispondendo alla provocazione di un fan, su facebook, che lo invitava a prendersi carico della sorte di alcuni profughi (“apri le porte di casa tua e prendine su un po’!”), Morandi, che da tempo difende su facebook le ragioni dei migranti, ha risposto per le rime e senza esitazione: “Caro Piero, sto pensando di farlo”.

Una presa di posizione che non è stata gradita dalla Lega Nord, che ha reagito con una dura presa di posizione da parte del capogruppo della Lega Nord alla Regione Emilia-Romagna, Alan Fabbri, che ha ricordato le ‘ posizioni politiche diverse”, pur apprezzando “chi, come te – prosegue Fabbri -porta avanti coerentemente le sue idee, con gesti concreti, non solo scagliando sentenze dai propri comodi salotti.

Mi auguro – conclude l’esponente leghista – che tu abbia spazio e pensieri concreti anche per i nostri anziani, disoccupati, disabili e giovani senza lavoro. Solo a Bondeno abbiamo 700 terremotati ancora fuori casa. So che hai fatto tanto, sono certo che tanto altro farai. La carità parte da casa”.

Di certo Gianni Morandi, avrà modo di replicare alle asserzioni partite dal dirigente leghista, e magari lo farà attraverso il proprio profilo social, al quale spesso ricorre per esternare il proprio pensiero su temi di attualità. Già nella scorsa primavera Morandi fu aspramente criticato quando ebbe modo di accostare, in un post su facebook, le traversate dei disperati nel Mediterraneo all’emigrazione di massa degli italiani nel corso del Novecento. Anche in quel caso ne venne fuori una lite a distanza con il leader leghista Matteo Salvini.

Leggi anche