Migranti, morti nella notte 14 persone COMMENTA  

Migranti, morti nella notte 14 persone COMMENTA  

Immigrazione (Fonte: politx.it)

Una nuova tragedia questa notte, al largo dalla costa turca, quando un gommone è stato investito da una tempesta, causando la morte di quattordici profughi, di cui la metà erano bambini. Il gommone con i migranti a bordo doveva arrivare all’isola di Lesbo, in Grecia, ma le condizioni meteorologiche non erano affatto buone: una tempesta non ha lasciato scampo alla piccola imbarcazione, che è affondata subito.

Leggi anche: Privatizzazioni, alla Germania gli aeroporti greci


Fortunatamente, un mezzo della Marina Militare che navigava in quella zona ha soccorso i migranti, salvandone venticinque. I sopravvissuti sono stati riportati in Turchia, la quale dovrebbe ospitare oltre due milioni di profughi. Dopo l’ennesima tragedia, Amnesty International informa che sono quasi cinquecento i morti e dispersi in quella tratta, nel Mar Egeo.

Leggi anche: Migranti, 13 mila salvataggi in una settimana, mai così tanti


A Malta proprio oggi si ritornerà a parlare del problema immigrazione e si decideranno nuove misure per risolvere questa situazione. Anche il programma del G20 affronterà la questione, ma sembra che l’ipotesi più plausibile sia quella di prestare dei soldi ai Paesi più poveri, attraverso i quali potrà avviare dei programmi per risollevare dalla fame e dalla crisi il proprio Paese.

Occorrerà poi trovare una decisiva soluzione per i Paesi colpiti dalle guerre, la Siria al primo posto.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*