Migranti: nuove operazioni di soccorso, sistema di accoglienza in crisi COMMENTA  

Migranti: nuove operazioni di soccorso, sistema di accoglienza in crisi COMMENTA  

Un barcone di migranti approda nel porto di Lampedusa, oggi 9 aprile 2011. ANSA / ETTORE FERRARI

In queste ore la nave Driade della Marina Militare Italiana sta svolgendo una nuova operazione di soccorso, nel Canale di Sicilia, per trarre in salvo un barcone in difficoltà con a bordo più di 500 migranti.

Leggi anche: Migranti, 13 mila persone soccorse negli ultimi 4 giorni


Nel frattempo, un’altra nave, la Bulwark della Marina Britannica, sta guidando un gruppo di unità europee alla volta delle coste libiche per portare soccorso a 14 imbarcazioni alla deriva. Pare che a bordo ci siano migliaia di migranti.

Leggi anche: Migranti, 17 morti nel Canale di Sicilia


Gli sbarchi non accennano a diminuire e i dati ufficiali, riferiti dal capo della Polizia Alessandro Pansa in persona, sono davvero preoccupanti: nei primi cinque mesi di quest’anno, gli arrivi in Italia sono stati più di 40 mila.


Adesso già si parla di quasi 50 mila e il sistema di accoglienza predisposto sul suolo nazionale rischia di entrare in crisi. Sono 90 mila gli immigrati ospitati in questo momento e il Viminale ha stimato siano necessari, già ora, almeno 7500 posti in più.

L'articolo prosegue subito dopo


Fra governo e regioni sarebbe stato in passato sottoscritto un criterio di smistamento dei nuovi arrivi, che assegna il numero di migranti da ospitare per ciascuna regione sulla base delle dimensioni, popolazione e PIL di quest’ultima. Secondo questo modello, dei 7500 nuovi posti, sarebbero circa 1700 quelli in carico a Lombardia e Veneto, che, almeno finora, hanno sempre negato la disponibilità.

Novità invece dalla Toscana, che ha deciso di stanziare 100 mila euro in favore dei Comuni che allestiranno progetti di integrazione sociale in cui siano coinvolti degli immigrati. A questi ultimi sarebbe richiesto di lavorare per la collettività a titolo gratuito, ad esempio nella pulizia delle strade o dei parchi pubblici, ma la proposta ha già sollevato polemiche. Il consigliere regionale leghista Claudio Borghi ha evidenziato che “anche se non pagati, i migranti sono un costo sociale: sottraggono lavoro”. Dalla regione sono invece arrivate rassicurazioni circa il fatto che l’iniziativa non avrebbe alcun contraccolpo per i disoccupati italiani.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*