Milan: Gattuso torna a gennaio. Tegola Yepes

Calcio

Milan: Gattuso torna a gennaio. Tegola Yepes

Non è un momento positivo per il Milan. Dopo i 2-2 contro Plzen e Bologna, dalle conseguenze diverse ma ugualmente fastidiosi per Allegri, le cattive notizie arrivano anche dall’infermeria. Sembra infatti più grave del previsto l’infortunio di cui è rimasto vittima Mario Yepes: il colombiano, uscito nei primi minuti della ripresa al Dall’Ara, avrebbe infatti riportato un “danno importante alla caviglia destra”, come recita una nota ufficiale peraltro tutt’altro che chiara del reparto sanitario della società rossnera. Lesione ai legamenti? Fratture? Al momento il mistero regna sovrano e così sarà fino a mercoledì, quando verranno effettuati gli approfonditi accertamenti del caso ma al momento dalle parti di Milanello regna il pessimismo: non si esclude infatti la necessità di un intervento chirurgico, che costringerebbe il centrale ad un’assenza dai campi superiore ai due mesi.

Un vero guaio anche in ottica mercato visto che Galliani, per gennaio, aveva categoricamente escluso l’arrivo di un difensore nel mercato invernale: chissà se le titubanze mostrate a Bologna dallo stesso Yepes ma anche da Bonera e perfino da Thiago Silva, che sembra sempre spaesato quando non c’è Nesta, imporranno una riflessione in tal senso.

Intanto, rimbalzano voci su un’offerta per il brasiliano Juan, nel mirino dell’Inter. Ma non manca una buona notizia: non solo il pareggio della Juventus, che mantiene i bianconeri distanti solo due punti, ma pure l’allenamento completo svolto da Rino Gattuso per la prima volta dopo i terribili mesi della grande paura per il guaio all’occhio. Il suo agente Andrea D’Amico si è lasciato andare all’ottimismo: “Rino sta molto meglio e posso dire che il suo rientro sia ormai prossimo. Lo staff medico del Milan ha intenzione di farlo tornare in campo già a gennaio”. Una notizia rassicurante: se Ringhio sarà l’atteso rinforzo a centrocampo, allora a gennaio ci si potrà concentrare davvero sulla difesa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche