Milan: i giocatori più forti

Guide

Milan: i giocatori più forti

L’A.C. Milan ha un’impressionante lista di giocatori di qualità eccellente che da tempo danno lustro e vittorie alla squadra milanese. In tutti i ruoli si sono avvicendanti giocatori eccezionali, tanto da poter consentire di creare una quantità di schieramenti da sogno in base alle caratteristiche tecniche e di gioco dei campioni del Milan.

Per motivi di brevità presenteremo solo alcuni di questi artisti del pallone che hanno fatto palpitare il cuore dei tifosi del Milan nel corso di stagioni memorabili.

Nelle stagioni dal 1949 al 1956, Gunnar Nordhal giocò con la maglia del Milan partite indimenticabili, mettendo a segno un numero impressionante di gol che lo resero capocannoniere della Serie A diverse volte. Di origine svedese, Nordhal è tuttora considerato il miglior marcatore della storia della squadra rossonera non a caso soprannominato Il Cannoniere.

Gianni Rivera giocò per il Milan dal 1960 al 1979, periodo in cui venne chiamato in Nazionale diverse volte.

Con la maglia milanista vinse, oltre agli scudetti, due Coppe dei Campioni, quattro Coppe Italia e due Coppe delle Coppe, nel 1969 sia la Coppa Intercontinentale sia il primo Pallone d’Oro assegnato a un calciatore italiano. Centrocampista di grande talento, il golden boy, come lo soprannominò Gianni Brera, divenne capitano della squadra e, terminata la sua carriera in capo, passò alla dirigenza diventando vicepresidente del Milan.

Franco Baresi fu un grandioso calciatore che giocò nel ruolo di difensore della fascia centrale grazie alla sua velocità nell’intercettazione dei passaggi avversari che intuiva in modo eccezionale. Nella sua carriera, arricchita da tutti i trofei conquistati dalla squadra, Baresi vestì esclusivamente i colori del Milan, di cui divenne capitano, e della Nazionale. Al termine della sua carriera la fascia passò a Paolo Maldini e la Società ritirò la maglia numero 6, in segno di rispettosa ammirazione.

Nato in Olanda dove iniziò una precoce carriera di successo, dal 1987 il talento calcistico di Marco Van Basten si espresse in Italia esclusivamente per il Milan.

Oltre a quattro scudetti, l’attaccante conseguì con la squadra rossonera un impressionante numero di trofei (Coppe dei Campioni e Intercontinentali, nonché Supercoppe Europee), e riconoscimenti (Miglior Marcatore della Serie A italiana, Miglior Giocatore Europeo e del Mondo) specie per il numero impressionante di gol messi a segno (Miglior Marcatore e Migliore Giocatore del Campionato Europeo). Il peggioramento dell’infortunio a una caviglia lo fermò nel 1995 mentre vestiva ancora i colori del Milan.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


traduttrice; lingue di lavoro: inglese, francese, tedesco