Milan, il 17enne Niang guida senza patente. Fermato dai vigili: «Sono Traorè»

Calcio

Milan, il 17enne Niang guida senza patente. Fermato dai vigili: «Sono Traorè»

MILANO – Se il buongiorno si vede dal mattino, il “piccolo” M’Baye Niang, 17enne attaccante del Milan, darà a Massimo Allegri i suoi bei grattacapi. Il giocatore francese di origini senegalesi, acquistato dal Caen alla fine del mercato estivo, l’ha fatta davvero grossa: domenica è stato fermato in macchina dai vigili urbani a Milano, nei pressi di Piazza della Repubblica. Il ragazzo, non ancora maggiorenne, non poteva ovviamente avere la patente e, a quanto riferito dagli ausiliari, si sarebbe spacciato per il compagno di squadra Bakaye Traorè, asserendo di non avere con sé la carta d’identità. Il tentativo di “scambio di persona” non è riuscito e la posizione del francesino adesso è piuttosto seria.

L’entourage del calciatore, però, avrebbe negato che il 17enne si sia presentato come Traorè, adducendo alla scarsa padronanza dell’Italiano da parte del ragazzo l’origine del malinteso. Lo stesso Niang, come riportato da LaPresse, ha confermato su Twitter questa versione: «Ho commesso un grave errore, ma non ho mai detto di essere Traoré, ma di guidare la sua vettura. Chiedo scusa a tutti i tifosi, a Galliani, ad Allegri e al mio magnifico Club». Il Milan, adesso, attende i provvedimenti giudiziari emessi a carico del giovane, che ad ogni modo guidava senza patente, sempre che la versione di Niang venga ritenuta attendibile. Comunque, in Via Turati la vicenda ha fatto infuriare notevolmente Adriano Galliani, che per prendere il ragazzo si è recato personalmente in Francia, strappandolo ad una folta concorrenza: la società ha pronta una pesantissima sanzione al francese e rimane in attesa di un dettagliato rapporto sull’accaduto, anche se la questione della guida senza patente appare chiarissima.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...