Milan, l’ira di Berlusconi: «Troppi cambi inutili». Galliani: «Nessun provvedimento imminente su Allegri» COMMENTA  

Milan, l’ira di Berlusconi: «Troppi cambi inutili». Galliani: «Nessun provvedimento imminente su Allegri» COMMENTA  

MILANO – Il pareggio in rimonta col Palermo sembrerebbe aver salvato ancora una volta la panchina di Massimo Allegri, ma quando il Presidente si infuria, è difficile prevedere come andrà a finire per il malcapitato tecnico che è incorso nelle sue ire. Nemmeno Ancelotti, che col Milan ha vinto tantissimo, si beccò le aspre critiche di Berlusconi per aver preferito un modulo con solo un attaccante, invece che due.


Figuriamoci, dunque, Allegri e il suo Milan più che balbettante. I due goal dei rosanero, di Miccoli (su rigore) e Brienza, avevano dato una vigorosa picconata alla panchina del tecnico livornese, ma fortunatamente per lui Montolivo ed il solito El Sharaawi hanno provveduto non solo ad annullare il doppio svantaggio, ma anche a mettere del mastice sulla pericolante posizione di Allegri. Insomma, il 2-2, per altro raggiunto dal 0-2, poteva essere indice della voglia di combattere dei rossoneri, spesso incapaci di reagire dopo aver subito lo svantaggio, e dell’impegno dei giocatori per salvare la testa di Allegri.


Berlusconi, però, non era di questo avviso e ieri sera ha provveduto ad esternare via cellulare a Galliani le sue negativissime impressioni sulle scelte di Allegri. La furia del presidente si può riassumere in una sola frase: «Troppi cambi di modulo inutili ed eccessivi». L’ammistratore delegato milanista, in verità fino a quel momento sereno per il pareggio conquistato, che poteva anche trasformarsi in vittoria, si è incupito e ha comunicato ad Allegri il pessimo commento di Berlusconi sulle scelte del tecnico.


Tuttavia, sul volo di ritorno, Galliani avrebbe fatto pace con Allegri, al quale, ancora una volta, è stata concessa fiducia, almeno nell’immediato: « Nei confronti di Allegri, nessun provvedimento imminente».

L'articolo prosegue subito dopo


A proposito dei cambi di modulo, anche Allegri ammette che questa volta ha proprio esagerato: «Mi aspettavo che i cambi potessero essere determinanti, non però che di trovarci sotto per 2-0 dopo 47 minuti». Resta comunque l’aspetto positivo della rimonta, la prima in questa stagione deludente. Se non altro la squadra sta con Allegri.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*