Milano: 15 anni fa lo schianto contro il Pirellone dell’aereo da turismo

Milano

Milano: 15 anni fa lo schianto contro il Pirellone dell’aereo da turismo

Pirellone
15 anni fa un incidente aereo causò la morte di 3 persone. Il veivolo si andò a schiantare contro il Pirellone, provocando un incendio gravissimo.

15 anni fa un incidente aereo causò la morte di 3 persone. Il veivolo si andò a schiantare contro il Pirellone, provocando un incendio gravissimo.

15 anni fa, più precisamente il 18 aprile 2002, un grande botto fece spaventare mezza Milano: un aereo da turismo era andato a schiantarsi contro il Pirellone, di fronte alla Stazione Centrale, causando la morte di 3 persone (2 a terra) e il ferimento di altre 70, tutte sopravvissute.

L’incidente fu causato da un errore in una manovra di volo eseguita dal pilota Luigi Fasulo (67 anni) il quale aveva fatto richiesta di atterrare vicino a Milano. L‘ATS gliela negò, dicendogli di porsi all’interno dell’anello del circuito Ata che “circonda” la città. Probabilmente a causa del sole negli occhi, il pilota non vide in tempo il grattacielo che gli si parò davanti e non fece in tempo a virare. Alcuni testimoni, infatti, dissero di aver notato il tentativo di manovra e il rumore molto forte che faceva il veivolo, cosa che ha portato gli inquirenti a definire lo schianto un “bruttissimo incidente”.

Lo schianto provocò un incendio molto grosso che fu spento dopo alcune ore dai pompieri.

Le vittime, oltre al pilota, furono Anna Maria Rapetti e Alessandra Santonocino, due dipendenti della Regione Lombardia che non riuscirono a fuggire per tempo e furono travolte dal veivolo.

Inizialmente, l’incidente venne trattato come attenato anche data la vicinanza con il crollo delle Torri Gemelle a New York; una volta scongiurata questa ipotesi, gli investigatori pensarono all’eventuale desiderio del pilota di suicidarsi ma alla fine del 2002, l’ANSV (Agenzia Nazionale per la Sicurezza al Volo) concluse che l’incidente era, come detto in precedenza, stato causato dall’incapacità del pilota di gestire la manovra di viraggio.

Il 26° piano dell’edificio ospita ora un memoriale in ricordo dell’incidente. Proprio in questo piano si è celebrata una commemorazione in occasione del 15esimo anniversario dell’incidente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche