Milano: 449 evasori nello stesso palazzo COMMENTA  

Milano: 449 evasori nello stesso palazzo COMMENTA  

MILANO – Ben 449 evasori totali sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Milano a conclusione di accertamenti durati circa due anni. In particolare, secondo quanto riferito dalla Gdf, 450 societa’ coinvolte nella ”consistente evasione fiscale” avevano domicilio fiscale in uno stesso stabile ubicato in una zona centrale di Milano.


Le numerose societa’ che frodavano sistematicamente il fisco erano tutte gestite da un unico studio di consulenze fiscali e tributarie, che però nel frattempo si é trasferito dallo stabile, la Torre Velasca, uno dei palazzi più noti del capoluogo lombardo. “Le indagini, iniziate nel 2009 a seguito di una verifica fiscale nei confronti di una importante società operante nel settore immobiliare – si legge in una nota – hanno permesso di appurare che i soci hanno messo in atto una serie di operazioni finanziarie elusive, volte ad annullare, mediante cessioni in opportuna sequenza di quote societarie, il debito d’imposta interponendo numerose società di comodo intestate a prestanome”. Le società in sostanza annullavano le plusvalenze grazie a una serie sistematica di spin-off immobiliari legati al passaggio di quote societarie e di beni. Il tutto era gestito da pochi professionisti del settore, che erano amministratori delle società in questione su nomina dei soci o essi stessi soci, che sono stati denunciati.


Le indagini nei confronti di 49 soggetti economici hanno permesso di scoprire 43 evasori totali ed accertare l’omesso versamento di imposte sul reddito delle societa’ per oltre 20 milioni di euro nonche’ un’evasione all’Iva per oltre 1,2 milioni di euro. Sono stati recuperati a tassazione oltre 15 milioni di euro di Ires e oltre 12 milioni di Irap con la conseguente denuncia all’autorita’ giudiziaria di 5 persone per frode fiscale. L’attivita’ ha permesso, inoltre, di segnalare agli uffici finanziari ulteriori 406 evasori totali.


(Fonte Ansa)

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*