Milano: lotta ai parcheggiatori abusivi per la sicurezza urbana
Milano: lotta ai parcheggiatori abusivi per la sicurezza urbana
Milano

Milano: lotta ai parcheggiatori abusivi per la sicurezza urbana

Papiniano

Anche a Milano continua il fenomeno dei parcheggiatori abusivi: dopo la stazione Centrale si tratta di Viale Papiniano, nei pressi di Sant'Agostino.

Molti residenti si stanno lamentando da giorni dei pochi controlli a cui sarebbe sottoposta l’area, già di per sè movimentata con i due mercati settimanali che causano non pochi disagi.

Gli abitanti hanno segnalato dei parcheggiatori abusivi stranieri che con tanto di pettorine finte, invitano i passanti o chi vuole fermarsi a parcheggiare, a tutte le ore del giorno e della notte. In più, l’aiuola centrale del Viale è occupata da una famiglia di Rom che bivacca e beve durante e il giorno, e la notte dorme con i cartoni alzati davanti l’entrata dei palazzi. Gli abitanti sono alquanto esausti di segnalare al Comune la situazione del quartiere, che per altro è anche piuttosto centrale. Qualche settimana fa si erano verificati anche schiamazzi e movida che a partire dalla Darsena, specialmente nel weekend, finisce in Piazza San’Agostino, sempre su Viale Papiniano.

La proposta

I residenti hanno proposto di utilizzare il parterre centrale dove si tiene anche il mercato, come parcheggio a pagamento e con strisce blu.

Un’altro comitato invece sostiene che le strisce non serviranno ad arginare il problema, fino a che non venga stabilito il nuovo piano regolatore e non si preveda anche l’arresto per chi svolge operazioni illegali. Inoltre, mettendo il parcheggio a pagamento in zone sottostanti le abitazioni, creerebbe disagi per chiunque si debba fermare o sostare per molto tempo. Gli ambulanti del mercato invece sostengono che anche per loro sta diventando difficile parcheggiare i propri mezzi senza incorrere in pericoli o multe, nonostante la zona sia abbastanza regolata dalle forze dell’ordine municipali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche