Milano, Tribunale annuncia blocco a Uber-pop COMMENTA  

Milano, Tribunale annuncia blocco a Uber-pop COMMENTA  

Tassisti riuniti in presidio davanti al Municipio di Torino per protestare contro il servizio Uber, 14 aprile 2015. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Semaforo rosso per Uber-pop, uno dei servizi messi a disposizione dalla app Uber. Il Tribunale di Milano ne ha infatti disposto il blocco, proibendolo sull’intero territorio nazionale. Il giudice della sezione imprese del Tribunale milanese, Claudio Marangoni, ha così accolto il ricorso presentato dalle associazioni di categoria dei tassisti contro Uber-pop, considerata “concorrenza sleale”. Il magistrato ha stabiito che il provvedimento sia pubblicato sul sito di Uber per 30 giorni e chiarito che la società avrà 15 giorni di tempo per adeguarsi al provvedimento, pena penali salate. In ogni caso è prevedibile un ricorso da parte di Uber. Attraverso Uber-pop  è possibile avere passaggi da privato a privato.


Nel febbraio scorso un giudice di pace di Genova aveva stabilito che Uber-pop non era un servizio di taxi abusivo, ma semmai noleggio con conducente.

Ora la decisione del magistrato milanese rovescia quell’interpretazione.

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. Milano, Tribunale intima stop a Uber-pop | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*