Milazzo, esplode la rabbia dei residenti per l'incendio in raffineria

Milazzo, esplode la rabbia dei residenti per l’incendio in raffineria

Cronaca

Milazzo, esplode la rabbia dei residenti per l’incendio in raffineria

Non si placa l’ira dei cittadini di Milazzo, che nella giornata di domenica sono stati costretti ad inalare i fumi maleodoranti e tossici provenienti dalla locale raffineria, in conseguenza di un incendio sviluppatosi all’interno della struttura.

Il denso fumo nero ha gettato nel panico i residenti, che adesso aspettano con ansia i rilievi dell’Arpa per capire l’impatto ambientale prodotto dal grave incidente. Sulla questione è intervenuto il Comitato Mamme per la Vita, che ha attaccato i vertici della RAM:

“Vorremmo sapere quante porcherie si sono depositate a terra e nei nostri polmoni in queste 24 ore di emissioni di routine – scrive nella nota il comitato – La nostra terra è devastata, il turismo muore così il mare e le campagne, mentre le istituzioni tutte continuano a non assumersi le proprie responsabilità nonostante i dati sulla mortalità, i ricoveri ospedalieri e l’incidenza dei tumori che si leggono nell’ultimo rapporto Sentieri. I nostri morti non sono entità astratte, essi hanno un nome e sono nostro fratello, nostra madre, nostro figlio, siamo noi.

A gran voce dobbiamo pretendere la bonifica dei territori che non a caso sono stati dichiarati Area ad Alto Rischio di Crisi Ambientale, lo dobbiamo a noi e alle generazioni future. E’ finito il tempo di stare in silenzio a subire e seppellire morti”.

.

Leggi anche