Milwaukee: agente di polizia colpito alla testa dopo la sparatoria di un uomo armato COMMENTA  

Milwaukee: agente di polizia colpito alla testa dopo la sparatoria di un uomo armato COMMENTA  

Milwaukee agente di polizia colpito alla testa dopo la sparatoria di un uomo armato
Milwaukee agente di polizia colpito alla testa dopo la sparatoria di un uomo armato

A Milwaukee, nella notte di sabato, in seguito alla sparatoria di un uomo armato, vi sono stati scontri e un agente colpito alla testa da un mattone.

La polizia ha raccontato che una folla inferocita ha colpito un ufficiale alla testa con un mattone, ci sono stati incendi e ci sono stati degli spari vicino negli scontri sulla città del North Side. Gli ufficiali in tenuta antisommossa hanno arrestato almeno tre persone, mentre i vigili del fuoco sono accorsi per spegnere le fiamme.

“Questa è una situazione in cui stiamo chiedendo a tutti i residenti della comunità di fare tutto il possibile per ristabilire l’ordine”, ha detto il sindaco Tom Barrett in una conferenza stampa nella giornata di domenica, secondo WISN-TV. “Se ami tuo figlio, se ami tua figlia, mandategli un messaggio, chiamateli e fate in modo che stiano a casa, anche tirandoli per le orecchie, se necessario”.

Il clamore ha seguito un blocco del traffico fino alle 03:30 secondo la polizia di Milwaukee. Il 23enne ucciso dalla polizia e un altro sospetto avevano abbandonato una macchina e si erano recati verso la fermata al n. 44th St. and W. Auer Ave, in base a quanto hanno riportato gli investigatori.

Uno degli uomini portava una pistola semiautomatica rubata e un ufficiale della polizia di Milwaukee gli ha sparato durante la fuga, secondo il racconto della polizia.
Oltre 100 persone hanno manifestato vicino alla scena della sparatoria nelle proteste che sono iniziate in modo pacifico,  il Milwaukee Journal Sentinel ha riferito. La protesta ha incominciato a infiammarsi anche dopo una donna che si è identificata in quanto un membro della famiglia del defunto ha chiesto a tutti di andare via.

Non vogliamo che nessuno vada in prigione o si faccia male”, ha dichiarato, secondo il giornale.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*