Minacce a bimbo di 9 anni, reagisce sbattendo testa del compagno contro il muro COMMENTA  

Minacce a bimbo di 9 anni, reagisce sbattendo testa del compagno contro il muro COMMENTA  

Il Gazzettino di Treviso riporta la notizia di un episodio di violenza che ha coinvolto due bambini di appena nove anni, entrambi alunni della scuola elementare “Marconi” di Conegliano. Un bambino è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato malmenato da un compagno di scuola, che gli ha spinto la testa contro il muro provocandogli una ferita. Pare che il colpevole del pestaggio sia stato indotto ad usare le mani per reagire alle minacce di un ragazzino più grande: se non lo avesse fatto, avrebbe avuto lui la peggio.

Leggi anche: Violenze e parolacce ai bambini, le telecamere inchiodano la maestra


Le dinamiche dell’episodio sono comunque ancora da verificare, e di questo si stanno occupando le autorità competenti. Lo spiacevole episodio, denunciato al Commissariato di Polizia, ha fatto emergere una situazione piuttosto complicata esistente nella scuola elementare di Conegliano Veneto frequentata dai due ragazzini.

Leggi anche: Lindsay Lohan: parla del fidanzato e delle botte ricevute

La Polizia sta cercando di risolvere la vicenda chiedendo la collaborazione delle famiglie.

Leggi anche

incendio-usa
Esteri

Incendio durante rave party in Usa, oltre 30 morti

Un violentissimo incendio è divampato durante un rave party in un capannone nella città californiana di Oakland, Usa. Mentre era in corso la festa le fiamme hanno rapidamente avvolto la struttura provocando la morte di molte persone,  quelle accertate ma con tutta probabilità oltre 30, forse 40, secondo fonti della polizia che ha affermato, 'siamo pronti al terribile scenario di una strage'. Inoltre sono state avviate le indagini per incendio doloso, anche se al momento rimangono aperte tutte le piste, compresa quella dell'incidente e non vi sono indagati certi. Sembra inoltre che nell'edificio non vi fosse alcun impianto antincendio. Quando Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*