Ministro inglese si dimette: aveva attribuito una multa all’ex moglie COMMENTA  

Ministro inglese si dimette: aveva attribuito una multa all’ex moglie COMMENTA  

Il ministro dimissionario, Chris Huhne

Il ministro britannico dell’Ambiente e dell’Energia, il liberaldemocratico Chris Huhne, ha annunciato le sue dimissioni. L’ormai ex ministro è accusato di aver nascosto un’infrazione al codice della strada, sostenendo che alla guida della sua auto, sorpresa da un autovelox in eccesso di velocità, ci fosse sua moglie, Vicky Price.

Leggi anche: Il capo del Pentagono annuncia: ‘Usa in guerra contro l’Isis’


La vicenda è emersa quando la consorte ha scoperto che lui la tradiva con una donna più giovane e, dopo aver chiesto il divorzio, ha deciso di raccontare la verità alla polizia.

Leggi anche: Valls attacca Marine Le Pen: ‘L’estrema destra può portarci alla guerra civile’


L’inchiesta giudiziaria si è conclusa con la decisione di incriminare e sottoporre a processo Huhne per “ostruzione di giustizia”, reato che comporterebbe l’ergastolo ma che in pratica, per un reato del genere, potrebbe risolversi con una sanzione pecunaria.


“Sono innocente e risponderò delle accuse in tribunale”, ha dichiarato Huhne, “ma per non subire delle distrazioni dal mio lavoro ho deciso di dimettermi dall’incarico di ministro con effetto immediato”. La moglie, una nota economista, è stata incriminata a sua volta come sua complice.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Il ministro dimissionario, Chris Huhne

Al suo posto dovrebbe arrivare il ministro dell’Economia, Ed Davey, che sarebbe a sua volta sostituito da Norman Lamb, consigliere del leader liberaldemocratico Nick Clegg.

Leggi anche

terremoto-isole-salomone-sismografo
Esteri

Terremoto violentissimo magnitudo 7.8 vicino alle isole Salomone

Un altro violentissimo terremoto, questa volta dall'altra parte del mondo rispetto alla California. E' accaduto poco fa nell'area delle isole Salomone, a pochi chilometri di distanza dall'isola di San Cristobal. Un sisma davvero violento, di magnitudo 8.0 secondo i primi dati, rivisto poi a 7.8 della scala Richter, una potenza tale da provocare anche la formazione di tsunami potenzialmente molto pericolosi. La scossa tellurica, registrata alle ore 18.38 italiane, ha avuto un ipocentro non molto profondo, individuato a soli 34 chilometri di profondità. In virtù di questi dati, potrebbe essere stato avvertito anche a distanza di centinaia di chilometri; è Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*