Mino Taricco (Pd): “La Regione Piemonte saldi subito almeno i due terzi del debito che ha” COMMENTA  

Mino Taricco (Pd): “La Regione Piemonte saldi subito almeno i due terzi del debito che ha” COMMENTA  

Il leader del Pd cuneese, Mino Taricco, sull’annosa questione dei debiti contratti
dalla Regione Piemonte, ha dichiarato:”Il Gruppo PD ha voluto risottolineare la necessità di una rapida risposta al
problema del ritardato pagamento degli Enti gestori delle funzioni e dei
servizi socio assistenziali hanno da parte della Regione e delle Aziende
Sanitarie.

Leggi anche: Renzi dopo il decreto salva-banche: ‘Adesso è urgente una riforma del sistema’


Avevamo presentato una interrogazione e abbiamo presentato un nuovo Ordine
del Giorno per ribadire che “l’abnorme situazione creditoria degli enti
gestori socio assistenziali nei confronti sia della Regione che delle
Aziende sanitarie locali che sta condizionando pesantemente l’attività degli
Enti stessi e, soprattutto, sta conducendo al dissesto economico il sistema
dei fornitori di servizi e prestazioni a fasce di popolazione di per se
stesse già deboli e vulnerabili.”

Gli esempi riportati nell’Ordine del giorno tra cui il Consorzio Socio
Assistenziale del Cuneese vanta crediti per 10.509.318 euro dall’ASL e per
2.115.781 dalla Regione, il Consorzio Monviso Solidale per 4.215.926 euro
dall’ASL e 4.920.918 dalla Regione ed il Consorzio socio assistenziale di
Alba per 934.837 euro dall’ASL e 2.262.779 dalla Regione, dimostrano che il
sistema sta per implodere.

Leggi anche: Crac finanziario, ecco nel dettaglio i numeri dei risparmiatori danneggiati


Tra l’altro nella sola nostra Provincia come avevamo già dimostrato i
crediti dei soggetti gestori superano i 36 milioni di euro.

Abbiamo voluto chiarito che la spiegazione espressa dalla Regione che i
ritardi sono imputabili ai ricorsi TAR non è credibile, stante l’entità dei
crediti in essere.


Crediamo sia necessaria una repentina erogazione di risorse a soggetti
Gestori, e abbiamo suggerito fino ai due terzi dei crediti, ma crediamo vi
siano ampi spazi di intervento, per evitare il collasso del sistema.

L'articolo prosegue subito dopo


E’ chiaro che il combinato disposto dai Tagli alle risorse, l’incertezza
sulle risorse e sulle modalità di gestione associata unito al mancato
adeguamento alla inflazione e ai ritardi dei pagamenti, rischia di creare
una situazione mortale per tutto il sistema dei servizi sociali, in un
momento nel quale il ruolo degli stessi e’ e sarebbe veramente strategico.

Stonano, in un quadro siffatto e appena descritto, le parole del Consigliere
Toselli e del Presidente Cota che hanno parlato, uno della necessità di
intervenire sui costi dei Presidenti e dei Consigli di Amministrazione e
l’altro del fatto che la Regione non avrebbe ruolo sul sostegno ai servizi
sociali e che questo toccherebbe invece ai Comuni.

Stonano e sono veramente non opportune queste parole perché forse non sanno
l’uno che gli Amministratori dei Consorzi operano ormai da tempo del tutto
gratuitamente e l’altro che la Legge R. 1 del 2004 all’articolo 35 recita
testualmente “la Regione concorre al finanziamento del sistema integrato di
interventi e servizi sociali attraverso proprie specifiche risorse” e ancora
“ le risorse annuali sono pari almeno a quelle dell’anno precedente
incrementato del tasso di inflazione annuale programmato”.

Crediamo non sia più il tempo degli alibi e delle scuse, ma il tempo
dell’azione, perché ogni attimo che passa, sempre più si compromette la
tenuta della rete di servizi per il Piemonte che fa fatica.

Come fatto in altri ambiti crediamo si possano adottare anche in questo caso
strumenti per attivare anticipazioni come anche attraverso strumenti
Finpiemonte ha fatto in altri settori e perché pensiamo che in un ambito
come questo nulla debba rimanere intentato per garantire risposte al settore
in questo momento più che mai strategico e vitale”.

Leggi anche

sorpresine-kinder_per-il-britannico-the-sun-le-confezionano-i-bambini
News

Sorpresine Kinder: per il britannico The Sun le confezionano i bambini

Inchiesta giornalistica GB rivela cosa sta dietro i giocattoli miniaturizzati negli ovetti: famiglie rumene costrette a far lavorare anche i figli minorenni Un velo di tristezza ammanta le sorpresine Kinder contenute nei famosi ovetti che, normalmente, sono destinati a donare gioia ai bambini, dopo l’inchiesta portata avanti dalla redazione del quotidiano britannico The Sun: secondo il prestigioso giornale, infatti, la Ferrero commissionerebbe la confezione degli oggettini da inserire nelle famose uova di cioccolato ad un’azienda rumena, la Romexa, che a sua volta subappalterebbe il lavoro alla Prolegis. Quest’ultima affiderebbe poi la preparazione manuale dei mini giocattoli a delle famiglie in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*