Minuto di silenzio per Andreotti: Ambrosoli esce dall’aula COMMENTA  

Minuto di silenzio per Andreotti: Ambrosoli esce dall’aula COMMENTA  

Anche il consiglio regionale della Lombardia ricorda Giulio Andreotti, scomparso a 94 anni. A inizio seduta il presidente dell’aula, Raffaele Cattaneo (Pdl), ha letto un lungo ricordo dell’attività politica di Andreotti. “Con la sua scomparsa – ha detto in un passaggio – se ne va un pezzo di storia italiana che appartiene a tutti, amici e avversari politici”. Tutti in piedi i consiglieri presenti, che hanno poi osservato un minuto di silenzio. Non era invece Umberto Ambrosoli, coordinatore dell’opposizione e figlio di Giorgio Ambrosoli, assassinato l’11 luglio 1979 da un sicario ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona, sulle cui attività Ambrosoli stava indagando nell’ambito dell’incarico di commissario liquidatore della Banca privata italiana.

Leggi anche: Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli


“Non è il caso di fare polemica”, si è limitato a commentare Ambrosoli. “E’ comprensibile che in occasione della morte di una persona che ha ricoperto ruoli di primo piano le istituzioni lo commemorino, ma le istituzioni sono fatte di persone ed è legittimo che ognuno faccia i conti con il significato delle storie personali”. E di Andreotti ha detto: “Ci sono lati oscuri della sua vita, verso i quali ciascuno ha sensibilità diverse.

Leggi anche: Pista di sci centro commerciale Arese

Questi elementi contano anche nel momento del ricordo, che deve essere senza polemiche né contrasti”.

[Fonte Repubblica]

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*