Mistero: La Stanza D’Ambra, distrutta dai bombardamenti o ancora nascosta? COMMENTA  

Mistero: La Stanza D’Ambra, distrutta dai bombardamenti o ancora nascosta? COMMENTA  

Nel corso dei decenni trascorsi dalla sua misteriosa scomparsa, la “Sala d’Ambra” è diventata una leggenda. Numerosi individui si sono fatti avanti per affermare il suo nascondiglio, però fino ad oggi, nessuno è riuscito a trovarla.


L’esistenza effettiva della “Sala d’Ambra” è storicamente ben documentata e fotografata, così la gente non sta solo inseguendo un fantasma, ma una verità che si è persa nel corso del tempo. Molti addirittura credono sia tutta una montatura e che le immagini siano dei falsi.


La costruzione della “Sala d’Ambra” ha avuto inizio nel 1701. Re Federico I di Prussia stava facendo ricostruire il suo Grande Palazzo Reale di Berlino, quando il suo capo architetto ebbe l’idea di creare una grande stanza costruita esclusivamente in ambra. Il re era naturalmente impressionato, siccome l’ambra non era mai stata utilizzata per la decorazione di interni su una tale scala.


Andreas Schlüter, scultore e designer tedesco è stato reclutato per il design. La costruzione della camera, tuttavia, è stata lasciata ad un artigiano d’ambra danese, di nome Gottfried Wolfram. Ed potrete immaginare l’immane lavoro dietro questo progetto.

L'articolo prosegue subito dopo


Creare un intero ambiente completamente d’ ambra era davvero una sfida. Quindi, piuttosto che affrontare la stanza nel suo complesso, creò una serie di pannelli d’ ambra basati su foglia d’oro e tempestati di gemme.

Re Federico morì nel 1713 prima che la camera potesse essere ultimata e suo figlio, Federico Guglielmo I, ordinò che la costruzione fosse fermata, preferendo concentrarsi sulla costruzione di un impero invece che creare opere d’arte sontuose.

Lo Zar di Russia Pietro il Grande visitò la Prussia nel 1716, e dopo aver espresso la sua ammirazione per la stanza gli è stata data la camera d’Ambra in dono dal re Federico Guglielmo I per cementare un’alleanza tra i due paesi. La Sala d’Ambra fu smontata e imballata in 18 bauli poi inviati in Russia.

Una volta arrivati a destinazione i pezzi sono stati lasciati impacchettati e la camera fu messa via inutilizzata. Fu grazie alla zarina Elisabetta I, che nel 1740 ordinò l’ installazione nel Palazzo d’Inverno della Stanza d’Ambra che fu possibile vederla completa in bella vista. Questa è stata l’ennesima prova, ancora una volta, dell’ evidenza di tutta la sua magnifica. Tuttavia, si è scoperto che i pannelli esistenti non erano abbastanza grandi per le dimensioni della camera, così specchi e pannelli falsi furono aggiunti. La camera è stata poi trasferita al Palazzo di Caterina a Tsarskoje Selo (Villaggio dello Zar) – la sua residenza estiva – nel 1755. La camera fu rinnovata più volte, aggiungendo più ambra, inviata da Federico II di Germania, e esotici mosaici fiorentini.

Quando finalmente i lavori di ristrutturazione sono stati completati nel 1770, la camera era di 180 metri quadrati e conteneva 6 tonnellate di ambra e altre pietre preziose. Per migliorare ulteriormente la stanza nella sua magica bellezza, 565 candele accese erano tenuti lì sempre accese. Infatti la loro luce riflessa dai numerosi specchi donava all’ambra una calda luce dorata.

Anche se ci sono stati un paio di lavori di ristrutturazione nel corso degli anni seguenti, la camera è rimasta sostanzialmente invariata fino alla Seconda Guerra Mondiale. Il 22 giugno del 1941 la Germania invase la Russia. All’inizio della guerra, nel palazzo di Tsarskoje Selo, era stato stabilito che la Stanza d’Ambra non potesse sopportare lo spostamento. Così fu tappezzata sperando che i tedeschi non immaginassero la vera portata della meravigliosa stanza.

Meno di due mesi e mezzo dopo, le truppe tedesche arrivarono a San Pietroburgo e cominciarono spietatamente il saccheggio delle opere d’arte. Le truppe occuparono il Palazzo di Caterina e ben presto scoprirono la Stanza d’Ambra. Entro due giorni avevano smontato la camera e compressa in 27 casse, la spedirono a Königsberg, dove fu rinominata Kaliningrad insieme a numerose opere d’arte rubate dal Palazzo di Caterina.

A partire dall’ aprile 1945, la Stanza d’Ambra è stata rimontata ed era in mostra nel museo del Castello di Konigsberg. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, Konigsberg fu pesantemente bombardata dalla Royal Air Force. I sovietici inflissero danni ancora maggiori, prima e dopo la sua caduta. Di conseguenza, il Museo del Castello fu distrutto.

Così, la Stanza d’Ambra scomparve dalla storia e non fu mai più vista. Ciò porta a 4 diversi possibili destini:

1. E ‘stato distrutto dai bombardamenti degli Alleati.

2. E ‘stato sepolto in una miniera d’argento, non lontano da Berlino.

3. E ‘stato nascosto sulle rive del Mar Baltico.

4. Affondò a bordo della Wilhelm Gustloff quando fu colpita nel Mar Baltico da un sottomarino sovietico.

Oggi rimane il mistero, e a meno che la prova conclusiva si trovi, si continua a sperare che la Stanza d’Ambra in qualche modo sia sopravvissuta ai tempi tumultuosi e sia rimasta nascosta da qualche parte là fuori in attesa di essere di nuovo scoperta. Può essere solo una vana speranza, ma la speranza è ciò che alimenta lo spirito umano, e combinato con il coraggio e la determinazione può effettivamente raggiungere l’impossibile.

Leggi anche

drone
Guide

Come filmare con il drone

Alcuni piccoli accorgimenti per effettuare delle buone riprese con un drone. I teorici del linguaggio cinematografico sono un po' in crisi, dal momento che l'utilizzo di nuovi supporti di ripresa, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*