Mistero: Le numerose scomparse in Alaska, clima difficile, alcool o rapimenti di ufo?

Guide

Mistero: Le numerose scomparse in Alaska, clima difficile, alcool o rapimenti di ufo?

Era l’ottobre del 2004. A 21 anni, l’uomo da un villaggio tribale di St. Lawrence Island intraprendeva il suo viaggio verso la vicina Nome, in Alaska. Eric Apatiki, così si chiamava, voleva vedere la sua fidanzata incinta e incassare l’assegno per comprare prodotti nella piccola città.

Costituita da una popolazione di poco più di 3500 persone, la città di Nome rappresenta il centro commerciale nel nord-ovest dell’Alaska nella quasi isolata Penisola Seward. E’ sempre stata il villaggio più vicino ad una “grande città” rispetto al resto delle altre località vicine. E’ stata anche la casa di molti anziani nativi Inupiat dell’ Alaska e Siberia.

“La gente scompare laggiù …” così rispose alle domande il leader tribale, Delbert Pungowiyi di Savoonga ai due giornalisti dell’ l’Anchorage Daily News nel 2005.

Non è chiaro se Apatiki abbia mai sentito questi avvertimenti. Il giovane era imperterrito nella sua volontà. Partito per Nome, non fu mai più visto o sentito da nessuno.

Apatiki non era la prima persona dispersa a Nome.

Tra il 1960 e il 2004, 24 persone – per lo più uomini di vicini villaggi-nativi scomparvero, senza lasciare tracce.

Diverse speculazioni sono state fatte in merito a quello che è successo, un po’ di sospetti si hanno su un presunto serial killer a piede libero, mentre altri hanno teorizzato che l’ ambiente duro e crudele del luogo sia da imputare a queste scomparse. Ci sono anche quelli che, come al solito, pensano che le 24 persone siano state vittime di rapimenti alieni ad opera degli UFO.

Qualunque sia la ragione, i 24 scomparsi hanno preso l’attenzione del Federal Bureau of Investigation (FBI) trasformando questo evento locale in un mistero internazionale.

• La Regione e la Città:

Nome, ha una certa importanza nel nord-ovest dell’Alaska e questo non può essere negato. Con un porto, due aeroporti, due stazioni radio, un campus satellite per l’Università di Fairbanks in Alaska e un quartiere d’affari pieno di famosi franchise, questa città è un link per le comodità del mondo moderno e per i villaggi tribali nelle sue vicinanze.

Inoltre, Nome ha molte altre attrazioni: i bar allineati sull’ arteria principale della città, nota come Front Street (nella foto). Questa strada è particolarmente popolare tra gli abitanti del villaggio e i nativi, in parte a causa delle restrizioni più leggere della città sulla vendita di alcol agli indigeni.

La cittadina si trova in uno degli ambienti più duri del mondo.

Nome è circondata dalla tundra. Inoltre, si trova sulla costa del Mar di Bering. Il mare forma continue tempeste e può diventare davvero insidioso. Mari agitati e ghiaccio sono tipici inn queste acque.

Secondo un censimento del 2000, la città demograficamente era composta da 51% di nativi americani, 37,9% di bianchi, 1,5% asiatici, 0,9% Nord Africani, 0,06% rovenineti dalle isole pacifiche, 8% ispanici e 0,43% di altre razze.

I nativi americani provengono dagli eschimesi Inupiat. In effetti, la città è costituita dalla Comunità Eskimo di Nome, una tribù federale riconosciuta. Anche se la maggioranza vive in città, molti vivono nel quadro di programmi di soggiorno offerti dallo Stato.

• Il crimine che ha portato al Mistero:

Chiacchiere su queste misteriose scomparse vanno avanti da anni. In realtà, Pungowiyi, un membro del consiglio tribale dei Savoonga, aveva chiesto una indagine federale fin dal 1998. Ma, è stato il caso di un poliziotto corrotto che ha portato ad una più ampia attenzione dei media sulle scomparse.

Un ufficiale di polizia a Nome è stato accusato di aver ucciso una donna nativa americana.

Questo incidente espose alcune delle ostilità persistenti tra gli abitanti dei villaggi nativi e le forze di polizia della città. Inoltre, secondo l’Anchorage Daily News, questo caso ha galvanizzato i membri del consiglio tribale dei villaggi vicini a parlare apertamente dei 24 dispersi.

Il primo a parlare durante l’inverno del 2004 e del 2005 è stata la madre di Apatiki. Scritta una struggente lettera al quotidiano della città, “il Nugget Nome”, informò così i lettori della scomparsa di suo figlio (Kizzia e Brant, 2005).

Entro l’estate del 2005, dopo una decennale attesa di aiuto Pungowiyi finalmente vide arrivare l’ aiuto che tanto sperava. Il procuratore degli Stati Uniti per l’Alaska, il commissario per il Dipartimento dello Stato di Pubblica Sicurezza, e l’unità di Analisi Comportamentale dell’FBI di Quantico, Virginia, vennero in città per indagare sulla scomparsa.

• Le varie accuse:

Quando l’FBI venne a studiare il caso, gli abitanti del villaggio si fecero avanti con le diverse storie dei loro amici e parenti scomparsi.

Molti hanno espresso sospetti di rapimenti.

L’Analisi Comportamentale dell’FBI ha condotto l’intervista e indagato per trovare tutti i possibili collegamenti nelle vittime: “Una preoccupazione espressa dalla comunità è che ci sia molto chiaramente qualche modello simile riconducibile alle scomparse e che quindi ci potrebbe essere un serial killer nella zona” US Attorney Tim Burgess disse queste parole all’ Anchorage Daily News.

Nell’inchiesta, si sono trovate diverse cose che le vittime avevano in comune. Molti erano stati avvistati in numerosi bar Front Street, e altri avevano controlli sui fondi permanenti che erano stati incassati e spesi. Oltre a questo, la maggior parte delle persone scomparse erano visitatori di sesso maschile.

In verità, l’angolo di azione del presunto serial killer è stato uno dei tanti punti su cui l’FBI stava indagando. Una delle cose che lasciava un po’ perplessi era che i corpi dei dispersi non erano mai stati recuperati.

Il fatto che molte delle vittime siano scomparse senza lasciare traccia, ha portato altri ricercatori (al di fuori dell’ FBI e all’applicazione della legge) ad ipotizzare che qualcosa di soprannaturale era accaduto.

Nei circoli ufologi, Nome è stata considerata un posto abbastanza attivo per le “visite” degli alieni.

In parte, la presenza di fenomeni come l’aurora boreale (Northern Lights) lunga tutta la notte d’inverno può essere attribuita a questa credenza. Inoltre, l’isolamento della città può svolgere un ruolo importante in questa vicenda.

Per la maggior parte degli investigatori, gli UFO e gli uomini scomparsi non sono mai stati collegati. Questa tesi rimane fino al 2009, quando alcuni cineasti, preso atto della storia, manipolarono la vicenda cercando di avvicinarsi a queste speculazioni.

• Un film espone il Mistero al Mondo:

“Il quarto tipo” ha ricevuto un modesto budget di 10 milioni di dollari. Alla fine è stato un successo al botteghino, ottenendo in tal modo una maggiore attenzione sul caso. Tuttavia, i produttori hanno avuto molte libertà sui film, anche mentendo sui fatti aggiungendo rapporti falsi e notizie per promuovere il film (alla fine, il distributore di film, l’ Universal Studios, ha dovuto pagare l’ Alaska Press Club per 20.000 dollari per le notizie fabbricate ad hoc).

Secondo lo scrittore Gabrielle Pickard, i produttori, fabbricarono una storia diversa che affermava di essere basata su avvenimenti reali, in cui gli extraterrestri erano responsabili del sequestro di queste persone.

I critici preso nota dell’accaduto, stroncarono il film. Eppure, il film ha attirato l’attenzione verso Nome, e esposto in modo pubblico, al di là di confini della città, questo caso controverso.

• La tragica conclusione dell’ indagine:

L’FBI è arrivata ad una conclusione: Alcol e le difficili condizioni ambientali (in particolare durante i mesi invernali) possono aver giocato un fattore determinante nelle sparizioni. La scoperta alla fine, ha solo confermato quello che era fin troppo familiare in tutta l’Alaska.

Nome è stata l’unica tra le città del circondario ad essere più permissiva. Mentre altre città simili avevano severe norme sul consumo di alcol e sulle vendite ai nativi americani, Nome aveva un sistema lassista. Ciò ha significato che molti abitanti dei villaggi nativi che venivano in città beveva molto, entrando in confronto con gli altri, o semplicemente vagando nella tundra circostante o verso il mare, per non far più ritorno.

I risultati riflettono un problema persistente in Alaska. Ci sono molti posti dove ci si può perdere facilmente. L’ambiente può inghiottire chiunque, considerando come solitario e vasto sia il luogo.

Ad oggi, l’ Alaska ha più notizie di persone scomparse di qualsiasi altro stato. Nell’anno in cui Apatiki scomparve, più di 3.400 persone sono state date per disperse. In definitiva è come se, quasi l’intera popolazione di Nome, (3500 persone) fosse scomparsa.

Non tutti sono rimasti soddisfatti con il report finale dell’FBI. Le famiglie e le tribù volevano una verità e la garanzia che i dispersi fossero ancora cercati. Ad oggi, tutti i dispersi, tra cui Apatiki, non sono mai stati trovati. Una ricompensa in denaro è stata offerta a tutti coloro che conoscevano la sorte di queste persone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*