Mistero: Zodiac, il killer mai scovato

Guide

Mistero: Zodiac, il killer mai scovato

Il killer Zodiac è uno dei serial killer più famosi d’America.Operò fuori della California del Nord alla fine degli anni ‘ 60 e nei primi anni ‘ 70. Le sue vittime erano giovani, di età compresa tra i 16 e i 29 anni. Il killer Zodiac rivendicò l’omicidio di 37 vittime, ma solo sette furono confermate come sue dalla polizia.

Due di queste sette vittime riuscirono a sopravvivere. Le vittime accertate sono state: David Faraday e Betty Lou Jensen (Portland, OR), Mike Mageau e Darlene Ferrin (Vallejo, CA), Bryan Hartnell e Cecelia Shepard (Napa County, CA), e Paul Stine (San Francisco, CA). Mageau e Hartnell sopravvissero ai suoi attacchi.

Il killer Zodiac non fu mai catturato. Ci sono stati alcuni forti sospetti su qualcuno, ma non ci sono mai state abbastanza prove decisive per dimostrare l’identità del killer.

Il caso Zodiac raccolse l’attenzione del pubblico. Gli omicidi furono particolarmente violenti. Una delle vittime non confermate, Cheri Jo Bates, sembrava essere stata uccisa mentre tornava a casa dalla biblioteca campus del college. Il 30 ottobre del 1966, uscita dalla biblioteca all’ora di chiusura, le 21:00, guidò la macchina per recarsi in biblioteca ma il tappo di protezione del serbatoio della sua auto era stato tirato fuori.

Nel caso di Ferrin e Mageau, come il killer si avvicinò alla loro auto, mostrò un comportamento simile a quello di un agente di polizia. Essi credevano che fosse un poliziotto, e così furono colti di sorpresa.

Stine invece era un tassista colpito alla testa dal suo passeggero. (Zodiac)

L’assassino ottenne l’interesse del pubblico perché giocò con i poliziotti in modo pubblico. Dopo l’assassinio di Ferrin, il killer inviò lettere di “cifre” a tre giornali: il Vallejo Times-Herald, il San Francisco Examiner e il San Francisco Chronicle. Ogni lettera conteneva crittogrammi, o cifrari. L’assassino affermò che se qualcuno avesse risolto tutti e tre i cifrari, avrebbero conosciuto l’identità del killer. Queste lettere ricevettero un sacco di interesse, tra cui quella di Donald e Bettye Harden, di Salinas, CA. Loro risolsero il cifrario. E trovarono che il nome del killer non era in realtà rivelato nel cifrario.

Dopo le lettere cifrate, il killer Zodiac continuò ad inviare lettere alla stampa San Francisco. Una lettera fu inviata al direttore dell’ Examiner il 7 agosto 1969. La lettera conteneva molti dettagli mai rilasciati al pubblico circa gli omicidi: Faraday, Jensen e Ferrin.

L’assassino inviò una lettera al Chronicle il 14 ottobre 1969, contenente un campione della camicia di Paul Stine. Mandò un altro pezzo della camicia all’ avvocato Melvin Belli, il 20 dicembre 1969.

Il killer Zodiac continuò ad inviare lettere o carte ai vari giornali di San Francisco nel 1970. In questo modo il pubblico, continuò a comprendere come la polizia fosse presa in giro. La corrispondenza normalmente includeva il simbolo di un cerchio e di una croce che l’assassino usava per rappresentare se stesso.

Il giornalista del Chronicle Paul Avery ricevette uno spavento il 27 ott 1970, quando gli arrivò una cartolina di Halloween che sembrava provenire da Zodiac. C’era scritto: “Peek-a-boo, sei condannato.”

Zodiac inviò una cartolina al Chronicle il 22 marzo del 1971, sostenendo di essere il colpevole della scomparsa di una infermiera, Donna Lass. Dopo quest’ultimo messaggio Zodiac rimase in silenzio per diversi anni. Avrebbe alla fine inviato una lettera al Chronicle all’inizio del 1974, lodando il film “L’esorcista”, come “miglior commedia satirica”.

Nel 2004, il caso Zodiac fu contrassegnato come inattivo dal dipartimento di polizia di San Francisco.

L’interesse del pubblico nel caso si sollevò di nuovo nel 2007, quando un film su Zodiac uscì al cinema. Il film fu intitolato “Zodiac”, in cui recitò anche Jake Gyllenhaal.

Dal momento che i delitti sono rimasti irrisolti per più di 40 anni, un certo numero di persone hanno cercato di inserirsi nel caso. Per esempio, una donna di nome Deborah Perez affermò nel 2009 che il padre, Guy Ward Hendrickson, era l’assassino. Perez aveva precedentemente affermato di essere figlia illegittima di John F. Kennedy, quindi le sue affermazioni non sono state prese sul serio.

Il libro di Graysmith avanzò uno dei sospettati probabili su Zodiac, Arthur Leigh Allen. Allen visse in Vallejo, e usò una macchina da scrivere Royal con un carattere elite. Una lettera inviata al dipartimento di polizia di Riverside per quanto riguarda gli omicidi di Zodiac fu scritta su una Royal con un carattere elite. Inoltre, Mike Allen Mageau lo identificò da una foto nel 1991. Mageau dichiarò che non gli furono mai mostrate le foto dei sospettati dopo essere stato aggredito dal killer nel 1966. Ma dal momento che le prove contro di Allen era circostanziali, non fu mai dimostrato essere il killer Zodiac.

Un altro sospettato plausibile era uno sconosciuto, un marinaio mercantile, che confessò i dettagli dei crimini di Zodiac a Robert Tarbox, un avvocato. L’uomo entrò nell’ufficio di Tarbox e confessò, ma Tarbox non fu in grado di localizzarlo in una data successiva. Graysmith anche ha accettato la possibilità che quest’ uomo sconosciuto fosse l’assassino.

C’è stato un direttore di giornale, Richard Gaikowski, che fu un possibile sospetto. Gaikowski scomparve nel 2004, ma la polizia ha individuato Ferrin come la voce di Zodiac.

Anche se il caso Zodiac non è mai stato risolto ufficialmente, rimane una storia affascinante per coloro che sono interessati al True Crime. L’interesse pubblico rimane ancora vivo, come evidenziato dai recenti episodi di The History Channel “MysteryQuest” e “America Most Wanted”. All’interno di questi ultimi anni, entrambi gli spettacoli hanno trattato degli episodi riguardanti il caso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...