“Misure di sicurezza oltre quanto prescritto”

Nucleare

“Misure di sicurezza oltre quanto prescritto”

Uno dei 19 impianti nucleari indiani

La sicurezza delle centrali nucleari rappresenta un processo “in corso”, ma le procedure seguite dalle autorità indiano vanno oltre quanto prescritto dalle norme internazionali.

“Il 90 per cento delle procedure di sicurezza sono state seguite, il resto sarà in vigore al più preso”, ha detto V Narayanasamy, Ministro per i rapporti con gli Stati all’interno del governo indiano, rispondendo alle interrogazioni dei deputati al Parlamento di Nuova Delhi.

Ha detto che le procedure di sicurezza seguite nelle 19 centrali nucleari del paese asiatico rappresentano più di quanto prescritto dalle norme internazionali. Una prudenza maggiore, rispetto a quanto indicato dalle norme e dalle convenzioni internazionali, che il minitro ha giustificato con la volontà, da parte del governo indiano, di garantirsi nei confronti di incidenti di ogni genere, dopo quanto successo a Fukushima Daiichi.

Oltre alla Atomic Energy Regulatory Board (AERB), sono ben sei i comitati incaricai di sorvegliare la questione della sicurezza nucleare e le relazioni di ciascuna di queste commissioni sono di dominio pubblico.

AREB ispeziona periodicamente e valuta gli standard di sicurezza degli impianti nucleari nel paese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche