Mitologia greca: Cassandra la Veggente (Guerra di Troia) COMMENTA  

Mitologia greca: Cassandra la Veggente (Guerra di Troia) COMMENTA  

La capacità di vedere nel futuro era venerata nell’antica Grecia, così come lo erano gli oracoli nel mondo antico. Molti racconti della mitologia greca si concentrano sui doni elargiti ad alcuni mortali di vedere nel futuro, ma forse nessuno di questi profeti è più noto di Cassandra. La sua però non è una storia di culto e di successo, è infatti proprio l’opposto di un racconto di divinazione che porta solo morte e distruzione.


Cassandra era un mortale, nata nella famiglia reale di Troia, era la figlia del re Priamo e della regina Ecuba. Cassandra era considerata la più bella tra le loro figlie e tra le donne del suo tempo e ovviamente questo la portò a conoscenza degli dei olimpici maschili. Fu Apollo che si manifestò per sedurla, aiutandosi con la promessa del dono della profezia. Cassandra era disposta a prendere la benedizione offerta, ma poi decise di evitare le sue attenzioni. Per vendetta Apollo non riprese indietro il suo dono, ma invece decise su una forma più adatta di retribuzione. Tale retribuzione fu quella di garantire a Cassandra la conoscenza del futuro, ma non sarebbe mai stata in grado di convincere nessuno delle sue predizioni.


Ci sono variazioni sulla storia di come Cassandra arrivò ad ottenere il dono della profezia e una alternativa dice che Cassandra dormì in un tempio dedicato ad Apollo e mentre dormiva dei serpenti arrivarono al suo corpo leccandole le orecchie, permettendo così di ascoltare ciò che il futuro poteva vedere. Anche in questo caso respingendo Apollo, fu maledetta allo stesso modo come nella versione più popolare.


Apollo non fu l’unico uomo respinto da Cassandra. Telefo, uno dei figli di Ercole era innamorato della principessa di Troia. Cassandra si dimostrò gentile verso Telefo aiutandolo però nel corteggiamento di sua sorella, Laodice.

L'articolo prosegue subito dopo


E’ stato durante la guerra di Troia che la maledizione posta su Cassandra divenne devastante. Come i greci lasciarono il cavallo di Troia fuori delle mura di Troia, Cassandra disse ad ognuno dei suoi familiari di ciò che sarebbe potuto accadere alla città se avessero accettato il dono, ma come Apollo predisse nessuno le credette. Il cavallo di Troia fu portato in città con il risultato che la città di Troia fu presa.

Poiché le forze greche bruciarono e saccheggiarono, Cassandra fuggì verso il santuario di Atena. Si rivelò essere un rifugio poco sicuro, perché Cassandra fu violentata da Locrese, noto anche come Lesser Ajax, colui che la portò via dalla città come bottino di guerra. Cassandra fu portata da Agamennone. Nonostante essere diventata una concubina forzata di Agamennone, Cassandra ancora provò a metterlo in guardia circa l’infedeltà di sua moglie, Clitennestra, e il tradimento mortale che Agamennone e Cassandra subirono durante il loro sbarco a Micene. Anche se era una profezia fu ignorata, e così Egisto e Clitennestra uccisero l’eroe di ritorno e la sua concubina.

Il racconto di Cassandra ha fatto vedere come gli dei greci potevano essere benefattori, ma potevano anche essere maligni e vendicativi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*