Moda: i 10 errori che fanno sembrare più grassi
Moda: i 10 errori che fanno sembrare più grassi
Moda

Moda: i 10 errori che fanno sembrare più grassi

10 errori

Breve vademecum per evitare quei 10 errori di stile che ci fanno sembrare più grassi. Impariamo a capire quali sono i nostri punti di forza e valorizziamoli con il look giusto, scegliendo bene i modelli da indossare.

In un mondo dominato dalle influencer, che dettano gli stili e i trend del momento, si potrebbe pensare che tutte quante, ormai, siamo in grado in riempire il nostro guardaroba in modo adeguato. Scegliendo cioè capi in grado di valorizzarci e mettere in risalto i nostri punti forti. Ma non sempre va così. Davanti alla vastissima scelta delle catene low cost a volte ci lasciamo prendere dalla frenesia dell’acquisto e pasticciamo un po’ con i modelli. Sarà capitato a tutte infatti di comprare un abito che, una volta indossato a casa, è tutta un’altra cosa. Ci accorgiamo ad esempio che mette un po’ troppo in risalto le forme, facendoci sembrare più rotondette di quello che siamo in realtà. Ecco dunque un breve vademecum per scegliere con cura quando andiamo a fare shopping ed evitare 10 errori che ci fanno sembrare più grassi di quello che siamo. Punto primo: la scelta della gonna.

Chi non è magrissima e neppure troppo alta è bene che ne scelga una che arrivi almeno al ginocchio. Evitate le minigonne. Punto secondo: no alle maglie stile impero. Il taglio sotto il seno sottolinea ulteriormente le forme. Questo modello andrebbe dunque evitato, meglio optare per camicie che mettano in risalto la vita. Punto terzo: no alle magliette con manica a tre quarti. Meglio preferire una maglia a manica lunga, magari con strisce longitudinali, che snelliscono notevolmente le braccia.

No a jeans elasticizzati e troppo stretti

moda

Punto quarto: i jeans troppo stretti vanno evitati come la peste. Avete presente quando entrate in un negozio e vi innamorate all’istante di un bel paio di jeans di cui puntualmente non c’è la vostra taglia? Ecco, spesso capita di strizzarsi dentro ad una taglia più piccola pur di portare a casa il bottino. Ebbene, o avete gambe lunghe e snelle, oppure meglio non acquistare jeans stretti.

Ultimamente vanno di gran moda anche i jeggins,, elasticizzati come i leggins, ma di tessuto jeans. Anche in questo caso è meglio lasciarli nello scaffale e dirigersi verso un pantalone meno aderente. Punto quinto: no a paillettes o accessori troppo colorati e vistosi. Rischiano di appesantire la vostra figura. Ma se proprio non potete rinunciare, allora indossate un accessorio che valorizzi un vostro punto forte. Ad esempio un bel collier su un collo lungo e sottile. Punto sesto: no a scarpe dalla pianta troppo larga. Puntate su calzature che rendano il più affusolato possibile il vostro piede. Punto settimo: no a maglie effetto pre- maman. A volte, quando non siamo proprio di ottimo umore, la tentazione di nasconderci dentro alla classica maglia oversize è forte. Ma dobbiamo resistere. Infatti questo capo nasconde tutti i nostri punti di forza e l’effetto ‘gravidanza’ è assicurato.

No a borse piccole o troppo grandi

moda 3

Punto ottavo: no a pochette o borse troppo grandi.

Chi ha fianchi pronunciati dovrebbe evitare le borse troppo piccole, ma anche quelle troppo grandi appesantiscono parecchio la figura. Insomma, come sempre, la virtù sta nel mezzo e con una borsa di medie dimensioni si risolve ogni problema. Punto nono: no a montature degli occhiali troppo spesse e scure. Questo tipo di occhiali copre drasticamente la parte superiore del viso ed ingrossa il naso. Con montature più sottili e discrete si valorizzano, invece, i lineamenti. Punto decimo: no ai piumini. Pur essendo caldissimo e confortevole con questo capo rischiate l’effetto ‘fagotto’. Meglio un bel cappotto medio-lungo o una giacca tre quarti che slancia la silhouette. Infine, ricordate sempre quali sono i vostri punti di forza e scegliete abiti o accessori che li mettano in risalto il più possibile. Buono shopping a tutte!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche