Modelli costume da bagno per donne con cancro al seno

Modelli costume da bagno per donne con cancro al seno

Moda

Modelli costume da bagno per donne con cancro al seno

cancro al seno

Le cicatrici di un cancro al seno non devono essere per forza nascoste: è possibile mostrarle con orgoglio grazie a un’apposita linea di costumi da bagno

Grazie alle diagnosi precoci e all’avanzare della ricerca scientifica, oggi sono sempre più numerose le donne che riescono a vincere la loro battaglia contro il cancro al seno. Tuttavia, dopo un intervento di mastectomia spesso si trovano a disagio al momento di andare in spiaggia e non sanno come gestire le cicatrici dell’operazione. Alcuni stilisti finlandesi, hanno deciso di venire incontro alle loro esigenze, creando una linea di costumi pratici e di design che consentono di continuare a vivere la spiaggia a 360 gradi, dalle nuotate in mare ai giochi sulla sabbia con i figli.

Mostrare con orgoglio le cicatrici del cancro al seno

Per chi ha vinto la lotta contro il cancro al seno, le cicatrici non dovrebbero essere considerate un difetto da nascondere ma un grande segno di forza e coraggio. Proprio da questo concetto nasce la linea finlandese di costumi da bagno monospalla Monokini 2.0, che non copre il seno asportato ma anzi lo mette in primo piano.

I modelli interi hanno oblò o profonde scollature laterali che lasciano scoperta la cicatrice, mentre i bikini hanno una sola coppa e interessanti giochi di lacci.

Si tratta di lottare contro il tabù del silenzio e di rivendicare la propria femminilità: subire una mastectomia non significa smettere di essere donna ma diventare una donna più forte, che niente e nessuno può spezzare. Insomma, la gamma di costumi Monokini 2.0 invita ad andare fiera del proprio percorso e a gridare al mondo a gran voce “io ce l’ho fatta”. Una vera e propria celebrazione della vita! E magari qualche donna che si trova ancora a metà cammino, vedendo i sorrisi delle splendide modelle scelte dai creatori di questi costumi, troverà una nuova spinta per andare avanti e vincere la propria battaglia.

I modelli della linea: Monokini 2.0

La linea Monokini 2.0 prevede modelli adatti a qualsiasi tipo di donna, dalla più sportiva alla più romantica, e a tutte le età.

Infatti, comprende costumi interi e bikini, ideali sia per le donne mature che per le più giovani. Il comune denominatore è sempre l’innovazione e la ricerca nei materiali, che spaziano dal classico tessuto sportivo a inserti dalla texture quasi metallica che esaltano l’indole guerriera. Uno dei costumi interi della Monokini 2.0, in particolare, ricorda un’armatura da amazzone moderna ricoperta di pailettes, naturalmente lasciando sempre in primo piano la cicatrice del cancro al seno. Anche il due pezzi a triangolo viene rivisitato nella foto ufficiale della collezione con l’aggiunta di spalline simili a quelle delle armature.

Tuttavia non mancano neppure i modelli romantici, come l’intero monospalla in total black attraversato orizzontalmente da una foglia a rilievo. Una vera e propria Eva moderna a tutti gli effetti! Inoltre gli stilisti finlandesi ci propongono un modello degno della Venere di Botticelli, come suggerisce anche la posa della modella nella foto ufficiale di questo costume: un intreccio sinuoso di fili in varie tonalità di blu avvolge e accarezza il corpo creando una linea sinuosa e sensuale.

Il mondo delle donne a 360 gradi

Inoltre i costumi Monokini 2.0 si rivolgono a varie fisicità, dalle donne più longilinee a quelle curvy.

Per esempio, tra i modelli portabili anche nella vita di tutti i giorni, al di là delle sfilate, c’è uno splendido costume intero in stile pin-un: la sgambatura poco accentuata e le strisce a contrasto oblique accentuano otticamente la forma a clessidra valorizzando il punto vita. Se ,invece, sei molto snella e hai un fisico atletico amerai il modello sportivo monospalla, ideale per le lunghe nuotate. L’obiettivo finale del progetto, insomma, è sempre esaltare la naturale bellezza di ogni donna e rispecchiarne a fondo la personalità. Il sorriso delle modelle e la loro naturalezza nelle foto ne è la prova più evidente!

La mostra itinerante

Il progetto Monokini 2.0 ha visto l’adesione di diversi designer finlandesi, che hanno scelto di utilizzare come modelle delle donne realmente sopravvissute al cancro al seno: niente fotoritocco, quindi, ma donne vere e fiere del loro percorso. L’idea ha riscosso fin da subito un grande successo a livello internazionale, dando vita a una mostra itinerante che ha portato in Finlandia, Svezia e Norvegia le foto di questi costumi.

I guadagni della mostra sono stati utilizzati per raccogliere fondi per la produzione in serie dei costumi, in modo da consentire a ogni donna che ha subito una mastectomia di sentirsi bella e femminile anche al mare.

Le testimonianze delle modelle

Le modelle che hanno partecipato al progetto, nelle interviste rilasciate alla stampa in seguito alla mostra, affermano di essere davvero entusiaste del risultato di questa campagna contro il tabù della mastectomia. Molte donne, infatti, si sentono quasi socialmente obbligate a utilizzare una protesi per apparire “normali”. Monokini 2.0 è invece un inno alla libertà di sentirsi femminili anche con un seno in meno o completamente senza seno: le modelle di questi scatti sono innegabilmente bellissime e incoraggiano a non nascondersi ma ad andare fiere della propria femminilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche