Molteni premia la ricerca: 10mila euro di borse di studio per la lotta alla dipendenza giovanile da eroina

Attualità

Molteni premia la ricerca: 10mila euro di borse di studio per la lotta alla dipendenza giovanile da eroina

FIRENZE – Molteni Farmaceutici, l’azienda farmaceutica di Firenze, è sponsor dell’VIII Premio Nazionale della Federazione italiana operatori dipartimenti e servizi dipendenze (FeDerSerd) avente quest’anno il titolo Percorsi appropriati di cura con metadone nei giovani consumatori di eroina: una raccolta di casi clinici centrati sull’illustrazione dei percorsi per il trattamento appropriato con metadone nel sistema dei servizi italiani.

La premiazione dei lavori vincitori è avvenuta giovedì scorso all’interno del Congresso Tematico Nazionale sulle nuove forme della dipendenza (droga, internet, alcol e sesso) che FeDerSerd ha tenuto a Milano. Agli autori dei titoli giudicati migliori sono state assegnate borse di studio del valore di 10mila euro.

Nello specifico, i lavori dei vincitori sono stati apprezzati per la peculiarità del caso di studio, in un’ottica d’intercettazione precoce della dipendenza, per gli strumenti diagnostici e terapeutici utilizzati, per le modalità del trattamento farmacologico (dosaggi, controlli, affidi) e per la specificità negli obiettivi di cura correlati all’età e alle modalità di consumo.

Ecco la lista dei titoli premiati:

DAL TUNNEL CARPALE …AL TUNNEL DELLA DIPENDENZA: REBECCA CASARI – MARCO FACCINI, FABIO LUGOBONI (Azienda Ospedaliera di Verona)

I GIOVANI UNDER 25 IN CARICO AL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE (SerT) DI TRIESTE: EVA PERIZZOLO – ELISA RUMIEL – MIMMA ROMANO – GIAMPAOLO GENTILLI – MARIA GRAZIA RODANI – ROBERTA BALESTRA (ALT – Associazione di cittadini e familiari per la prevenzione e la lotta alla tossicodipendenza, Cooperativa Sociale “La Quercia” Dipartimento delle Dipendenze di Trieste).

L’UTILIZZO DELLA GOCCIA DI SANGUE ESSICCATA (DRIED BLOOD SPOT) PER IL MONITORAGGIO TERAPEUTICO DI METADONE IN PAZIENTI EROINOMANI IN TRATTAMENTO: MARIA A.

SARACINO – MARIA A. RAGGI, LORENZO SOMAINI – ANGELA ORICCHIO – MARIA C. PIERI (Università degli studi di Bologna, ASL di Biella, ASL di Bologna, Bologna).

L’IMPORTANZA DEL METADONE CLORIDRATO NELL’INTAKE DEL PAZIENTE GRAVE: IL CASO DI UNA PAZIENTE ADOLESCENTE: GRECH MARIALUISA – LEVARI ERMELINDA– PORTA ALBERTO– GUALDI GIULIANA– REFFUCCI ROBERTA (Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Trento).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche