Molti pazienti dopo il trapianto di cuore ricominciano a fumare

Guide

Molti pazienti dopo il trapianto di cuore ricominciano a fumare

Più di uno su quattro pazienti sottoposti al trapianto di cuore ricomincia a fumare dopo l’operazione.
Il loro disprezzo per ciò che la maggior parte dei destinatari vedono come un dono prezioso riduce la loro aspettativa di vita di più di quattro anni, hanno scoperto i ricercatori.
Le cifre hanno provocato una furiosa reazione dei pazienti più responsabili, che hanno detto che è un abuso del trapianto.
John Fisher, 46 anni, che ha avuto un cuore nel 2000, lo ha definito “una vergogna”.
“La metà di quelli sulla lista di trapianto cardiaco muoiono in attesa”, ha detto Fisher, da Ashford, West London.
“Uno su cinque muore durante o subito dopo l’operazione. Se sopravvivi ad un trapianto lo devi alla tua famiglia, il donatore e soprattutto alle altre persone in attesa di un trapianto.”

Lo studio è stato condotto dai medici del Freeman Hospital a Newcastle. Hanno iniziato ad analizzare campioni di urina per i segni del consumo di tabacco nel 1993.
Nel corso dei prossimi 13 anni, hanno monitorato 380 pazienti di sesso maschile per vedere quanti iniziano a fumare di nuovo e che effetto ha avuto su di loro il nuovo cuore.

I risultati, pubblicati sull’American Journal of Transplantation, hanno rivelato che 104 persone hanno fumato nei mesi e negli anni dopo l’intervento chirurgico.
Hanno vissuto una media di 11,89 anni dopo l’intervento – più di quattro anni meno di quelli che hanno lasciato le sigarette.
I fumatori hanno subito una condizione chiamata innesto malattia coronarica, dove vengono danneggiati i vasi sanguigni collegati al nuovo cuore dalle sostanze chimiche tossiche del tabacco.
I ricercatori hanno concluso: “I nostri risultati dovrebbero essere un potente deterrente per i pazienti contro la ripresa a fumare dopo il trapianto. Ci auguriamo che possa aiutare i pazienti, sia prima che dopo il trapianto.».

Lewis Sander, 58 anni, da Northampton, che ha ricevuto un cuore 17 anni fa, ha detto: “Penso che sia molto egoista il fatto che queste persone hanno avuto una seconda possibilità significa che qualcuno doveva morire per loro per vivere una migliore vita “.

Un portavoce della charity Donor Family Network, che offre sostegno ai familiari dei donatori, ha detto che qualcuno potrebbe essere “molto turbato” per il comportamento dei pazienti che hanno beneficiato dei loro organi.
“Molte famiglie saranno molto turbato e deluso”, ha dichiarato Pauline Weaver, un fiduciario della carità.

“Ma i donatori e le loro famiglie non possono scegliere a chi dare un organo.
“Tutto quello che possono fare è dare ad altre persone la possibilità di una vita migliore. Quello che scelgono di fare con questo spetta a loro.”
Molti centri di trapianto esigono che i pazienti smettano di fumare per almeno sei mesi prima di poter anche ottenere in lista d’attesa per un cuore nuovo.
Ci sono circa 200 trapianti di cuore in un anno nel Regno Unito.
Ottantotto persone, tra cui 16 minori di 18 anni, sono attualmente in attesa di un cuore e un ulteriore 18 sono in lista d’attesa per cuore combinato e trapianti di polmone.
UK Transplant, l’organismo che sovrintende il trapianto di organi, ha rifiutato di commentare la notizia ma ha sottolineato che tutti i pazienti sono stati valutati per la loro idoneità, compresa un’analisi del loro stile di vita prima del trapianto.
La British Heart Foundation ha detto che anche se è “triste” così tanti pazienti sottoposti a trapianto fumano ancora, per molti era un modo di affrontare lo stress dopo l’intervento chirurgico e la necessità quotidiana di prendere compresse anti rigetto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*